Pubblicato in: Almanacco

Almanacco: scrittori nati il 31 ottobre

John Keats (1795 – 1821), poeta inglese.
Ricordi di scuola, indimenticabili versi dall’Ode su un’urna greca:

“Beauty is truth, truth beauty,”- that is all
Ye know on earth, and all ye need to know.

“Bellezza è verità, verità bellezza,” – questo solo
Sulla terra sapete, ed è quanto basta.



Pubblicato in: Libri

Ancora un incremento nel numero degli ebook pubblicati (al 30 ottobre 2014)

Eccoci all’appuntamento mensile con la mia piccola statistica.

Dal confronto del numero degli ebook venduti sullo store amazon.it fra il 30 settembre e il 30 ottobre 2014 si rileva che il numero degli ebook è aumentato ancora di oltre il 3%.

Come sempre questo non significa che sia aumentato del pari il numero degli acquisti.

tabella ebook numeri ott-set 2014

 

Pubblicato in: Almanacco, Libri

Almanacco: scrittrici e scrittori nati il 30 ottobre

Paul Valery (1871 – 1945), poeta e scrittore francese.

Ezra Pound (1885 – 1972), poeta statunitense.

Ágota Kristóf (1935 – 2011), scrittrice ungherese.
Di lei ho letto “Ieri”, triste.

Elena Torre (1973), scrittrice italiana.
Ha scritto tra l’altro “Un bambino a Bloomsbury”, racconto per ragazzi, nella collana “I Gufi” di David and Matthaus. Di lei si può leggere l’intervista.

Pubblicato in: Almanacco, Fantascienza, Libri

Almanacco: scrittori nati il 29 ottobre

Fredric Brown

(1906 – 1972), scrittore statunitense.
Ho letto di lui solo alcuni racconti di fantascienza, di cui uno “Sentinella” era nell’antologia di italiano della scuola media e per la prima volta l’ho letto proprio lì (di mia iniziativa, non come compito) e non l’ho più dimenticato. Poi l’ho riletto nell’antologia “Le meraviglie del possibile“, qualche anno fa. Trovo che sia uno dei racconti migliori che ho mai letto. Sia come scrittura e costruzione che come messaggio.

 

Pubblicato in: Racconti, Riflessioni, Scrittura

LE STELLE GUARDAVANO, QUASI UN RACCONTO

Le stelle guardavano il punto lontano che era la Terra. Un’atmosfera opaca circondava il pianeta, irradiando nello spazio sottili scie debolmente luminose: erano gas che sfuggivano alla forza di gravità e si libravano nell’universo. Da anni era iniziata quella fuga, e contemporaneamente i raggi del Sole giungevano più forti sulla superficie terrestre che si andava progressivamente inaridendo.

Le stelle osservavano distrattamente quello che per loro era uno spettacolo comune, avevano già assistito a migliaia di quelle rovine, causate da minuscoli esseri che si muovevano sulla crosta dei corpi celesti. Col tempo gli esseri si facevano più intraprendenti, compivano anche viaggi fuori dalla loro atmosfera: sembrava che fossero vicini a capire i segreti del mondo. Poi, in un modo o in un altro, il loro pianeta cominciava a cambiare: a volte inaridendosi come stava accadendo sulla Terra, a volte allontanandosi dalla propria stella e ghiacciandosi, a volte addirittura dissolvendosi in centinaia di migliaia di meteoriti a causa di un’esplosione.


Pubblicato in: Almanacco, Libri

Almanacco: scrittrici e scrittori nati il 28 ottobre

Anne Perry (1938), scrittrice britannica.
Ho letto qualche suo giallo, di cui però non ho conservato ricordi.

 

Joe R. Lansdale (1951), scrittore statunitense.
Di lui ho letto di recente “Il carro magico”, ambientato alla fine dell’epopea del Far West, ma non mi è piaciuto.

 

Pubblicato in: Almanacco, Libri

Almanacco: scrittrici e scrittori nati il 27 ottobre

Dylan Thomas (1914 – 1953), poeta gallese.
Dai ricordi di scuola, soprattutto.

Sylvia Plath (1932 – 1963), poetessa e scrittrice statunitense.

Margaret Mazzantini (1961), scrittrice italiana.
Di lei ho letto “Non ti muovere”, che non mi ha entusiasmata. Ha comunque una scrittura molto efficace.


Pubblicato in: Almanacco, Libri

Almanacco: scrittori nati il 26 ottobre

Trilussa, pseudonimo di Carlo Alberto Camillo Mariano Salustri (1871 – 1950), scrittore e poeta italiano e romanesco.
Ho letto più e più volte le sue raccolte di poesie in romanesco, così graffianti e ancora molto attuali.
Eccone ad esempio una:

L’OMO E LA SCIMMIA
L’ Omo disse a la Scimmia:
-Sei brutta , dispettosa:
ma come sei ridicola!
ma quanto sei curiosa!
Quann’ io te vedo, rido:
rido nun se sa quanto!…

La Scimmia disse : – Sfido!
T’ arissomijo tanto!

 

Carlo Lucarelli (1960), scrittore italiano.
Ho letto diversi dei suoi romanzi gialli., forse il mio preferito fra questi è “Almost blue”. Si leggono bene, ma non tutti mi sono piaciuti.

 

Pubblicato in: Scrittura

AUTORI A CONFRONTO: SULLA STESSA BARCA

Un articolo su questo argomento esce contemporaneamente su quattro blog: Queste pagine, Ant Sacco, Chiacchiere e distintivo e Pagine sporche. (Rispettivamente di Concetta D’Orazio, Antonella Sacco, Roberto Bonfanti e Mario Pacchiarotti) 

setssa barca

Possiamo vedere il mondo del self-publishing come un mercato, in cui tutti siamo in competizione con tutti oppure come una barca, a bordo della quale siamo tutti e che perciò conviene cercare di non fare affondare ma anzi far procedere spedita superando gli ostacoli incontrati.

Io preferisco vedere l’esperimento del self-publishing in questo secondo modo: un mezzo che può trasportare me e gli altri lontano, in un qualche altrove.

Quindi, in altre parole, ritengo che sia meglio collaborare per raggiungere un obiettivo comune a tutti o comune almeno in parte: fornire al self-publishing quella dignità che, in buona misura, in Italia non viene associata a questo termine.

Per quanto mi riguarda ho iniziato, qualche mese fa, una collaborazione con altri tre autori di cui ho apprezzato la scrittura e il comportamento in rete e nei social; questa esperienza, assolutamente positiva, è ancora in corso. Oltre a scambiarci suggerimenti e informazioni utili per le rispettive attività di scrittura e affini, abbiamo predisposto e pubblicato articoli sui nostri blog personali collegati fra loro, ovvero articoli su uno stesso argomento ma basati sulle esperienze e idee di ciascuno. Abbiamo anche iniziato un’avventura abbastanza particolare: dando voce a uno dei personaggi di un nostro libro stiamo disegnando per loro una nuova storia che li vede incontrarsi ed essere protagonisti insieme. Al momento i primi due capitoli sono stati pubblicati (prima su Facebook e poi sui nostri blog, questo è il link alla pagina) e il terzo è quasi ultimato e viene proposto via via su Facebook.

La possibilità di confrontarsi è importante ed è anche piacevole trovarsi a parlare di un interesse o, meglio, di una passione comune. Perché navigare insieme è molto più divertente che navigare contro e di sicuro ci consentirà di raggiungere mete più lontane, a tutti.

Come abbiamo già avuto modo di dire, secondo noi è fondamentale attenersi a una serie di regole (vedi il decalogo allargato) e per rispettarne alcune il reciproco aiuto riveste una discreta importanza. Alcuni modi in cui è possibile collaborare:

  1. Letture reciproche dei testi: per rilevare refusi sfuggiti all’attenzione dell’autore, per evidenziare possibili punti deboli della trama o aspetti da chiarire meglio.

  2. Scambi di opinioni sulle copertine: l’immagine che identifica un ebook ha un impatto importante sul potenziale lettore.

  3. Suggerimenti e indicazioni su siti e libri che possono essere utili per la scrittura, per le immagini, per documentarsi su un determinato argomento.

  4. Collaborazioni di vario genere: stesura di articoli, scrittura di testi a più mani.

Insomma, la parola d’ordine è collaborare, cosa che poi, a ben guardare, è anche quella che viene più naturale (o dovrebbe venire).