Almanacco: scrittrici e scrittori nati il 24 novembre

Laurence Sterne

(1713 – 1768), scrittore britannico.
Ricordi di scuola, letteratura inglese al liceo: “Pamela”.

Carlo Collodi

(1826 – 1890), scrittore italiano.
Collodi uguale “Pinocchio”, naturalmente affermare questo è riduttivo, Collodi non è solo Pinocchio. Ad ogni modo io di suo ho letto solo questo libro. Riporto qui sotto il famoso e indimenticabile incipit, nel quale si capisce come per scrivere una bella storia, una storia intrigante, non siano necessarie per forza re e principi ma basta un semplice e – apparentemente – umile pezzo di legno. Quello che conta è la bravura di chi tiene la penna in mano o, ai giorni nostri, di chi digita lettere e parole e frasi sulla tastiera.

C’era una volta…
Un re!” diranno subito i miei piccoli lettori.
No, ragazzi, avete sbagliato. C’era una volta un pezzo di legno.
Non era un legno di lusso, ma un semplice pezzo da catasta, di quelli che d’inverno si mettono nelle stufe e nei caminetti per accendere il fuoco e per riscaldare le stanze.

Frances Hodgson Burnett

(1849 – 1924), scrittrice inglese.
Di lei ho letto (penso in edizione ridotta, ma non so) tanti anni fa “Il piccolo lord”.

Mino Maccari

(1898 – 1989), scrittore e pittore italiano.
(Notare le cifre degli anni di nascita e morte, a parte quella delle migliaia le altre sono invertite).
Non ho letto niente di suo, ma apprezzo i suoi quadri, almeno alcuni.

Arturo Pérez-Reverte

(1951), scrittore spagnolo.
Di lui ho letto di recente “Il pittore di battaglie”, attratta dal titolo e poi anche dalla quarta di copertina.
È una storia dura, di un fotoreporter di guerra, Falques, che si ritira a vivere da solo in una torre su un’isola e lì dipinge un grande murale con battaglie. L’uomo è malato e per quietare il dolore prende giornalmente delle pillole. Viene raggiunto da un croato, Markovic, che, a causa di una foto che Falques gli aveva fatto durante la guerra, è stato preso prigioniero, torturato e ha avuto moglie e figlia seviziate e uccise. Markovic è lì per vendicarsi e uccidere il reporter, ma prima i due si incontrano più volte e parlano. La pittura del murales e i colloqui con Markovic sono una via tramite la quale Falques rivive la sua vita, il rapporto con Olvido, la donna che ha amato. La fine, che non svelo, è assolutamente in tono con tutta la storia.

 

Annunci

5 pensieri su “Almanacco: scrittrici e scrittori nati il 24 novembre

    • Ciao, sì ho visto. (mi arrivano gli avvisi settimanali da WP). Sembra una storia interessante e il post di sicuro lo è..
      Il mio problema è trovare il tempo per tutte le storie interessanti… prima o poi spero di trovarlo. Metto anche qst in lista.
      Io sto leggendo “Kamchatka” di Mercelo Figueras. molto bello. Non so, però, se avrò modo di scrivere un articolo, sia pure breve.

      Mi piace

      • Quanto ti capisco. Pure io di recente ho letto 2 libri molto belli, ma non so se avrò il tempo di scriverci un post, e soprattutto la capacità di renderne a parole la bellezza. In compenso, posso quantomeno citare i 2 libri in questione:

        John Green, “Cercando Alaska”
        Claudia Piovano e Silvia D’Agostino, “Per sempre noi”

        Grazie mille per i complimenti e per la risposta! : )

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...