Fantasmi in bottiglia, incipit

In questo romanzo per ragazzi i fantasmi non sono di quelli che fanno paura, anzi: sono in pericolo e hanno bisogno di aiuto. L’aiuto lo ricevono da alcune giovanissime musiciste molto in gamba e piene di iniziative: Vanessa e le sue amiche.
Tra alcuni fantasmi e le ragazze nasce così un’amicizia profonda, a riprova che l’amicizia può unire esseri anche molto diversi fra loro.

cover Fantasmi in bottiglia

Quello che segue è il primo capitolo.

 1.DUNQUE

Vanessa mise in tavola la bottiglia dell’acqua mentre la mamma scolava le penne e le distribuiva nelle scodelle.
Che profumo” commentò inforchettando il primo boccone. “Questo sugo al pomodoro è delizioso.”
Vanessa Renai aveva dodici anni, i capelli castani, gli occhi verdi e un sacco di interessi e di amici. A volte provava il desiderio di un fratello o di una sorella, ma di solito era troppo impegnata per sentirne davvero la mancanza.
Com’è andata la lezione di tennis?” domandò la mamma.
Bene. Abbiamo lavorato quasi tutto il tempo sul servizio, mi sembrava che il braccio si dovesse staccare.”
Si interruppe per bere.
Adesso però va meglio.”
Vanessa frequentava un corso di tennis, uno di inglese e uno di chitarra. Quest’ultimo era quello a cui teneva di più.
Hai finito i compiti per domani?” chiese ancora la madre.
Lei annuì. “Per fortuna erano pochi. Solo matematica e storia.”
Delle altre materie niente?”
Due esercizi di grammatica, ma li ho fatti ieri a scuola nell’intervallo.”
La mamma si alzò per prendere la ciotola con l’insalata e in quel momento squillò il telefono.
Rispondo io, dev’essere il babbo” disse Vanessa.
Il signor Renai era rappresentante e di quando in quando doveva trattenersi a dormire fuori città; in questi casi chiamava a casa all’ora di cena per salutare e sapere come andavano le cose. Da giovane era stato campione regionale di tennis ed era per fargli piacere che Vanessa aveva iniziato a prendere lezioni di quello sport, scoprendo che in fondo la cosa non le dispiaceva poi tanto.
Dopo che gli ebbe raccontato la sua giornata gli passò la mamma e, quando lei riattaccò, accese la TV. Ascoltò distrattamente il telegiornale, ma, appena iniziò la rubrica successiva, una frase richiamò la sua attenzione e allora incollò lo sguardo allo schermo. La trasmissione si intitolava Dunque ed era condotta da una famosa giornalista, Margot Parini, che, elegante e scintillante come suo solito, quella sera sedeva di fronte a uno strano personaggio, vestito completamente di nero, con capelli, barba e baffi grigi, occhi scuri dallo sguardo penetrante.

Gentili ascoltatori e ascoltatrici buona sera. Nell’intervista esclusiva che vi propongo oggi tratteremo un argomento molto affascinante e controverso: i fantasmi. La loro esistenza è qualcosa in cui molti credono e molti no e che fino ad oggi non è stata provata scientificamente; la persona che è con me ritiene di poterlo fare entro pochi mesi. Signore e signori ho il piacere di presentarvi uno studioso di fama internazionale, il professor Alarico Nerozzi, che sta per annunciare a tutti noi, in diretta, la sua scoperta.”
Tacque un attimo per sottolineare con una pausa l’importanza del momento e della dichiarazione.
Professore, ci spieghi a cosa hanno portato i suoi studi.”
L’uomo si schiarì la voce e iniziò a parlare.
Da anni combatto contro la miopia di chi non crede all’esistenza di quelli che comunemente vengono definiti fantasmi; ho lavorato a lungo per scoprire la natura di queste presenze e soprattutto per individuare un modo per renderle inoffensive. Adesso sono in grado di presentare al mondo intero l’esito delle mie ricerche.” Così dicendo estrasse dal grosso zaino che aveva accanto ai piedi un oggetto completamente nero che ricordava in parte un vecchio fucile a trombone e in parte somigliava a un phon per asciugare i capelli, con una specie di bottiglia dal lato dell’impugnatura. “Per mezzo di questo oggetto potrò liberare i luoghi infestati, catturando quelle che ho denominato, con un temine scientifico, Entità Ectoplasmatiche, o, brevemente, EE. 
Margot Parini intervenne, per ricordare a tutti che era lei che conduceva l’intervista:
Il professore sta mostrando per la prima volta il suo strumento. Ci illustri il funzionamento della sua invenzione, siamo tutti ansiosi di conoscerlo.”
Premendo l’interruttore si aziona un aspiratore che risucchia le Entità Ectoplasmatiche e le immagazzina nel serbatoio” rispose lui.
Cioè in questa specie di bottiglia?”
Esatto.”
Fantastico. E sembra facilissimo, ma non è così, vero professore? Come spesso accade, dietro l’apparente semplicità di un apparecchio si celano tecnologie molto complesse.”
Proprio così. Gli ectoplasmi sono costituiti da fotoni molto rarefatti e solo dopo molti tentativi sono riuscito a realizzare un congegno abbastanza sensibile da individuarli e attrarli: l’aspira-fantasmi, appunto. I contenitori, poi, sono di un materiale nero e super compatto in modo che i fotoni, che sono particelle di luce, non possano attraversarlo.”
Alarico Nerozzi aspettò qualche secondo, prima di aggiungere: “Immagino che sia superfluo dare ulteriori dettagli, perché risulterebbero incomprensibili per la maggior parte del pubblico, a meno che non si tratti di esperti in fisica delle particelle.”
Margot Parini, sorridendo, riprese in mano la conversazione:
Verissimo, non vogliamo spaventarci sentendo nomi difficili. Però so che lei ha dei progetti per l’immediato futuro e le sarei grata se volesse anticiparli al nostro pubblico.”
Altra pausa ad effetto, sguardo verso la telecamera che la riprendeva: “Sta per iniziare il primo esperimento di bonifica. Possiamo usare questo termine, professore?”
Senz’altro. La prossima settimana mi recherò in uno dei luoghi che mi sono stati segnalati come abitati da Entità Ectoplasmatiche e lo ripulirò completamente. Sarà la prima di una serie di operazioni che conto di portare a termine in pochi mesi.”
Meraviglioso” cinguettò Margot Parini, non tanto per le affermazioni del professore quanto per i gesti che un suo collaboratore le stava indirizzando da dietro la telecamera: gli indici d’ascolto stavano salendo alle stelle.
Meraviglioso” ripeté. “E possiamo chiederle il nome di questo luogo?”
Preferirei non rivelarlo, per non correre il rischio che i fantasmi che vi dimorano se ne allontanino.”
Lei dunque ritiene che stiano ascoltando le nostre parole? Che ci stiano spiando?” domandò la giornalista fingendo apprensione.
Con un sorrisetto di superiorità il professore rispose:
Non userei questo termine, ma si tratta di entità immateriali di cui conosciamo ben poco e non escludo che qualcuna abbia la possibilità di venire a sapere quanto ci stiamo dicendo. Dopo che avrò terminato la prima fase di bonifiche mi dedicherò allo studio approfondito degli esemplari catturati: solo allora sapremo tutto su di essi.”
Dato che il tempo a sua disposizione era finito, con un po’ di rimpianto Margot Parini si accinse a prendere congedo:
La ringrazio per essere stato con noi, professore, dandomi l’opportunità di informare i cittadini. Signore e signori, ci rivedremo comunque presto, perché Alarico Nerozzi ha promesso di raccontare ancora dai microfoni di Dunque, in esclusiva, l’esito delle sue prime operazioni.”
Dopo che lui ebbe salutato con un laconico “Arrivederci”, Margot Parini proseguì, rivolta al pubblico:
Ancora una cosa, prima di chiudere il collegamento: vi invito a far pervenire alla redazione di Dunque le vostre segnalazioni in merito a fantasmi, apparizioni, spiriti eccetera. Io e i miei collaboratori predisporremo un archivio che verrà utilizzato dal Professore per i suoi controlli. L’argomento di cui abbiamo parlato stasera sarà oggetto anche di una discussione sul mio Blog, discussione alla quale, come sempre, tutti siete invitati a contribuire.”
Mentre passava la sigla della trasmissione la mamma di Vanessa commentò:
Secondo me è assurdo parlare di queste cose nel ventunesimo secolo, anche se c’è ancora gente che pensa che siano vere.”
Ma il professor Nerozzi è uno scienziato famoso, no?” domandò Vanessa.
Così hanno detto, io però non l’ho mai sentito nominare. Ad ogni modo non ho mai visto un fantasma e non credo che esistano.”
La signora Renai era una persona molto pratica e cercava di tenere i dubbi e i forse lontani dalla sua vita, convinta che gliel’avrebbero complicata e basta.
Fra un po’ lo intervisteranno di nuovo, per sapere se avrà aspirato qualcosa” disse Vanessa.
Figurati. Mostrerà quelle bottiglie nere e proclamerà che dentro ci sono gli spiriti. Però non potrà dimostrarlo in nessun modo… anche perché saranno vuote!”
La ragazza fece una risatina: la mamma aveva senz’altro ragione. Fantasmi in bottiglia, che idea ridicola.
Non poteva immaginare quanto si sbagliava.

Annunci

Un pensiero su “Fantasmi in bottiglia, incipit

  1. Pingback: Comunicazione #3 | Antonella Sacco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...