Libri letti nel mese di Febbraio 2016, #2

Questo è il terzo romanzo che ho letto in febbraio, piuttosto lungo.

Pilgrim, Terry Hayes

(titolo originale Pilgrim, trad. Laura Bortoluzzi e Silvia Cavenaghi)

Pigrim è il nome in codice di un giovane e abilissimo agente dei servizi segreti americani che, da solo, deve riuscire a evitare che una terribile arma biologica, messa a punto da un arabo soprannominato il Saraceno, sparga la morte negli Stati Uniti e poi nel resto del mondo. Una storia di spionaggio che è anche un giallo, narrata in prima persona dallo stesso Pilgrim, che racconta, alternandola al resoconto delle sue indagini, le vicende del suo avversario (vicende che ha scoperto con le sue investigazioni e deduzioni). La lettura scivola via, anche se vi sono scene di violenza (diciamo inevitabile, visto l’argomento); ho trovato però il finale poco realistico, non mi ha convinto la giustificazione che l’autore dà al comportamento di alcuni personaggi (ovvero, secondo me non avrebbero agito come li fa agire lui).

Sembra un romanzo scritto per essere trasposto su una pellicola cinematografica e, guarda caso, l’autore è stato, oltre che giornalista e autore radiofonico, anche sceneggiatore di parecchi film.

In conclusione: l’ho letto con la curiosità di sapere cosa succedeva capitolo dopo capitolo e come i “buoni” avrebbero sconfitto i “cattivi” (davo per scontato che accadesse questo), ma il finale, come temevo, mi ha un po’ delusa. Un’altra cosa che non mi è piaciuta (non mi piace in genere) consiste nell’uso frequente di frasi del tipo «C’era però una cosa che mi ero lasciato sfuggire, e per il resto della mia vita mi sarei interrogato sull’errore che avevo commesso.»; queste affermazioni, che penso abbiano lo scopo di destare curiosità nel lettore e magari di mostrare che l’agente per quanto bravissimo non è infallibile (visto che si tratta sempre di errori che lui ha commesso), in Pilgrim sono ripetute, a mio parere, troppo spesso.


Annunci

Un pensiero su “Libri letti nel mese di Febbraio 2016, #2

  1. Pingback: Scrittura creativa: il finale di una storia #2 | Antonella Sacco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...