da “Agnes”

Qui di seguito un brano, brevissimo, dal mio romanzo Agnes”. È una citazione “al quadrato”, dato che nel brano sono riportati alcuni versi di una stupenda canzone di Edith Piaf.

Mi adagio nella musica, adesso non voglio pensare ad altro…
Da quanto non la sentivo, la mia Edith.

Non! Je ne regrette rien
on! Je ne regrette rien…
C’est payé, balayé, oublié
J
e me fous du passé!

Quello che a me non è mai riuscito. Non abbastanza, almeno. Per quanto avessi creduto di essermene liberata, del passato intendo, Claude Lorier mi ha mostrato che non era così, che mi ero illusa, che ne ero prigioniera e che lo ero sempre stata.
E adesso? Adesso non so. Non so più nulla. Come vorrei disperdere tutto nel tempo di una canzone. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...