Emilio Salgari, LE MERAVIGLIE DEL DUEMILA #3 Mie riflessioni

Dato che oggi è il “compleanno” di Emilio Salgari, rebloggo questo mi post su un suo libro, che ho letto un paio di anni fa in versione ebook: un romanzo di fantascienza…

Antonella Sacco

In questo romanzo, scritto e pubblicato oltre cento anni fa, in cui Salgari parla di un futuro che per noi è il presente, ho trovato degli aspetti quasi profetici, per ciò che risulta simile alla realtà attuale, e altri quasi ingenui, soprattutto per quello che non si è (ancora?) verificato e, probabilmente, non si verificherà.

Delineo brevemente nel seguito alcune delle riflessioni fatte leggendo il libro.

Ibernazione

Il modo in cui in cui i protagonisti riescono a “viaggiare nel tempo” o, meglio, a non invecchiare nonostante lo scorrere del tempo, è simile all’ibernazione: Salgari, in modo analogo a Ghislanzoni nel suo romanzo “Abrakadabra” del 1884, ipotizza che la soluzione sia un sonno, provocato da una speciale sostanza (in questo caso il succo tratto da un antico fiore egiziano) e mantenuto in un ambiente ghiacciato.

Entrambi gli scrittori ritengono che le persone risvegliate non riescano ad ambientarsi nel mondo…

View original post 650 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...