La preda – Irène Némirovsky * citazione #2

(titolo originale La proie– trad. Laura Frausin Guarino)

Appena possibile scriverò qualcosa su questa lettura, per il momento condivido quest’altra citazione. Langon, il personaggio che Jean-Luc ascolta affascinato, è un politico. Trovo molto bella e calzante l’immagine delle parole logorate per il troppo uso.

Langon attaccò quasi subito. Il mormorio che saliva dalla sala sottolineava ogni sua parola, ogni suo gesto. Jean-Luc ascoltava affascinato. Che magnifico attore… Che uso sapiente faceva della sua voce, del suo volto, della sua sincerità. Forse si sarebbe potuto rimproverargli un’eccessiva insistenza, uno sforzo inutile su frasi che da sole coglievano nel segno, ma l’acustica non era buona, bisognava alzare il volume della voce, e in ogni caso quelle stesse parole erano state così spesso usate da attori diversi che si erano in qualche modo logorate, avevano perso il loro significato, e bisognava sottolinearle con toni patetici o accentuarne l’ironia.

cover-la-preda-nemir

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...