Dolomiti, Col Raiser – rifugio Firenze #2

Seguendo il sentiero 2B si può raggiungere anche il rifugio Firenze (2037 m); da lì, sul sentiero 1, si risale alla stazione a monte della cabinovia Col Raiser.

20170826_115103 bl26

20170826_115447 bl26

Segnavia

20170826_120022 bl26

20170826_120752 bl26

Verso il rifugio Firenze

20170826_122621 bl26

Il rifugio Firenze

20170826_124619 bl26 rif Firenze

Indicazioni al Rifugio Firenze

20170826_135639 bl26

20170826_135700 bl26

Le Odle dalla stazione a monte della cabinovia

20170826_142627 bl26

 

Annunci

In biblioteca #30

Leggendo post su Facebook in gruppi di amanti della lettura ho scoperto che non avevo letto un romanzo di Pirandello e mi hanno incuriosita dei commenti relativi a testi di psicologia/psichiatria.

Suo marito – Luigi Pirandello

Pragmatica della comunicazione umana – Paul Watzlawick, Janet Helmick Beavin, Don D. Jackson

Change – Paul Watzlawick, John H. Weakland, Richard Fisch

 

Dolomiti, Col Raiser – rifugio Firenze #1

Da Santa Cristina si prende la cabinovia del Col Raiser (oppure si sale a piedi alla stazione a monte della cabinovia); in alto si possono scegliere vari sentieri, alcuni dei quali passano sotto il gruppo delle Odle o vi si inerpicano sopra.

Cartina:

20170826_101536 bl26

Le Odle viste dalla stazione a monte della cabinovia

20170826_103547 bl26

20170826_104857 bl26

Sassolungo in lontananza

20170826_105128 bl26

Incontro

20170826_111351 bl26

20170826_113235 bl26

Stelle Alpine

20170826_114043 bl26 stelle alpine

Itinerari possibili

20170826_114124 bl26

20170826_115059 bl26

 

 

Dolomiti, passo Sella – rifugio Pertini

Dal Passo Sella si sale alla Forcella di Rodella, si prosegue fino al rifugio Friedrich August e da lì verso il Rifugio Pertini, prima tappa del Giro del Sassolungo.

Verso la Val di Fassa20170825_120916 bl25

20170825_120445 bl25

20170825_135305 bl25

Verso il gruppo del Sella e il Sass Pordoi

20170825_135623 bl25

Sassolungo

20170825_124105 bl25

20170825_121718 bl25

20170825_123527 bl25

 

 

Una poesia di Fernando Pessoa

Una poesia che amo molto

Antonella Sacco

Questa poesia di Fernando Pessoa è raccolta in Una sola moltitudine, volume I e citata in L’automobile, la nostalgia e l’infinito di Antonio Tabucchi.

Si potrebbe dedurre che secondo Pessoa l’umanità non sia l’unica intelligenza nell’Universo, ma anche che l’Universo stesso non abbia poi molto significato.

In tutti i casi la trovo molto bella.

Madrid insegne

Tabacaria

Ma il padrone della Tabaccheria si è fatto sulla porta e vi è rimasto.
Lo guardo col disagio che dà la testa girata a metà
e col disagio che dà l’animo quando ha per metà intuito.
Lui morirà e io morirò.
Lui lascerà l’insegna, io lascerò dei versi.
A un certo momento morirà anche l’insegna, e anche i versi.
Poi morirà la strada dove fu l’insegna
e la lingua in cui furono scritti i versi.
Infine morirà il pianeta ruotante in cui tutto ciò avvenne.
In altri satelliti di altri sistemi, qualcosa simile a gente

View original post 56 altre parole

Uno, nessuno e centomila – Luigi Pirandello * Citazione #9

Ancora su come la realtà sia relativa, mutevole e soggettiva.cover Pirandello uno nessuno

 

 

Siamo molto superficiali, io e voi. Non andiamo ben addentro allo scherzo, che è più profondo e radicale, cari miei. E consiste in questo: che l’essere agisce necessariamente per forme, che sono le apparenze ch’esso si crea, e a cui noi diamo valore di realtà. Un valore che cangia, naturalmente secondo l’essere in quella forma e in quell’atto ci appare.