I post più visti del 2017

Nell’immagine sotto i post più visitati del mio blog durante l’anno che sta finendo.

Come avevo già notato nel corso dell’anno c’è un argomento che supera tutti: Ray Bradbury. Un po’ mi stupisce, anche se si tratta di un grande scrittore.

L’altro argomento gettonato è quello sul funzionamento di Kindle Unlimited, ma questo lo trovo più ovvio.

Mi fa piacere che siano in classifica anche Buzzati, Asimov, Sartre e un film che ho amato molto, La prima notte di quiete di Zurlini.

articoli più letti 2017

 

 

Annunci

2017 in libri: i miei personaggi preferiti

Nei libri che ho letto quest’anno ho incontrato, ovviamente, molti personaggi e alcuni mi hanno colpita e mi sono piaciuti più di altri.

Li elenco, in ordine casuale, senza riportare il romanzo da cui sono tratti.

Scarlett e Chris

Claire e Ashton

Lauren e Kit

Atticus e Scout

Arabelle e Bryan

Alma

Ottavia Lenate, Massimo Valerio Messalla e Antares

Wulfric Bedwyn duca di Bewcastle

E voi? Chi avete incontrato di speciale?

libri letti 2017 x pst personaggilibri letti 2017 1     libri letti 2017 3    libri letti 2017 7

 

 

Ti voglio bene lo stesso – Silvia Pillin * impressioni di lettura

Un ebook self, formato amazon kindle.

Un romanzo davvero ben scritto, con un linguaggio fluido e corretto, mai banale. La scrittura è la cosa che mi è piaciuta di più, l’ho trovata davvero buona, a tratti lirica e sempre precisa, capace di rendere al meglio gli stati d’animo dei protagonisti.

La storia è una storia che potrebbe essere vera, vissuta da persone che non sono perfette e che non sono dei mostri, ma assolutamente normali, con le loro debolezze, sogni, desideri, paure. L’ho trovata triste, non è né un pregio né un difetto, solo una mia sensazione. Del resto, come ho detto, la vicenda e i sentimenti dei personaggi sono realistici quindi la tristezza e la malinconia non sono fuori luogo.

Molto interessante e originale la scelta di narrare secondo due punti di vista: uno in prima persona per le vicende del momento presente, uno in terza ma con i verbi al tempo presente, per raccontare il nascere e l’evolversi della relazione fra Azzurra e Tristano. Le due narrazioni si alternano in modo equilibrato.

cover ti volgio bene lo stesso Pillin

Sinossi

Azzurra e Tristano stanno insieme da sempre, al punto che Azzurra non riesce a ricordare di aver vissuto un tempo senza di lui.
La loro unione, nata durante l’adolescenza, cresce e si consolida. La laurea, il lavoro, la convivenza: sembrano la coppia perfetta, quella che veleggia verso il mutuo, il matrimonio, i figli, una vecchiaia serena.
Il sicuro binario su cui la loro storia corre, però, si interrompe bruscamente: il repentino trasferimento di Tristano da Torino a Vienna, per motivi di lavoro, sembra mettere tutto in discussione.
Azzurra, che non riesce a pensare la sua vita senza di lui, lo segue.
È proprio a Vienna, nello spaesamento di una città in cui è straniera e in cui tutti parlano una lingua ostile, che Azzurra incontra Tommaso, un uomo italiano così sfacciato e sicuro di sé da riuscire a spazzare via la corazza di dolore e solitudine che lei si è costruita attorno.

Può uno sconosciuto un po’ arrogante farti innamorare al punto da buttare all’aria una relazione lunga dieci anni?