Pubblicato in: I miei libri, Libri, Matematica

Ipazia, matematica

Ipazia fu una scienziata e filosofa alessandrina. Nel seguito un cenno alla sua storia come l’ho raccontata nel mio romanzo per ragazzi “Lidia, che detesta la Matematica”.

Il dialogo è fra Lidia, la protagonista, e Oscar, un calzolaio appassionato di Matematica.

«… visse ad Alessandria d’Egitto. Era figlia di un matematico, Teone. Si occupò di filosofia, astronomia, meccanica. Disegnò alcuni strumenti scientifici, fra cui l’astrolabio. Aveva una sua scuola, frequentata da uomini e donne di qualunque religione; insegnava camminando per la città e riteneva che la conoscenza non fosse qualcosa da custodire in segreto, al contrario dei pitagorici ai quali era proibito diffonderla.»

Questa matematica mi piaceva molto e mi pareva che il suo nome sarebbe stato perfetto per la micia. Oscar intanto continuava:

«I suoi concittadini l’ammiravano e la stimavano, molti dei suoi allievi diventarono personaggi importanti, alcuni perfino vescovi, e continuarono a scambiarsi lettere con lei e a considerarla una maestra. Quello che conosciamo di lei deriva proprio dalle testimonianze di questi allievi e dagli scritti degli storici del tempo. Purtroppo in quegli anni era in atto una persecuzione contro i pagani, cioè i non cristiani, da parte dei cristiani; la biblioteca di Alessandra, che conteneva migliaia di libri antichi e unici, raccolti nel corso dei secoli, fu incendiata e nel 415 la stessa Ipazia fu assassinata in modo barbaro, perché era colta, sapiente e soprattutto donna.»

«Chi la uccise?»

«Si ritiene che siano stati gli appartenenti a una setta di fanatici cristiani.»

Carezzavo la gatta e pensavo a quella donna a cui il sapere era costato la vita: al suo posto sarei stata capace di fare altrettanto?

«Che storia triste.»

«Si dice che fosse molto bella. Ha ispirato poeti e scrittori e in questi anni è stato creato un progetto internazionale per favorire la partecipazione delle donne di tutte le nazionalità alla ricerca scientifica che in suo onore è stato chiamato Ipazia.», ha concluso Oscar.

«Dev’essere stata una persona speciale…

Lidia Copertina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.