Pubblicato in: Libri

La gemma di Ceylon – Amalia Frontali * Impressioni di lettura

Questo romanzo si legge, in parte, come una sorta di fiaba, in realtà è tutt’altro, perché ambientato nell’isola di Ceylon durante il dominio degli inglesi, che reprimevano gli aneliti di indipendenza dei nativi, con tutta l’arroganza degli europei nei confronti di coloro che erano (e sono) considerati incivili.

La vicenda rosa si intreccia dunque a quella storica e, in certo senso, ne trae origine. La protagonista, Dido Monica Monkford, è una ragazza ormai considerata zitella e apparentemente insignificante ma, in realtà, è una persona sensibile e di carattere. Una volta entrata in contatto con la realtà dell’isola, sia quella dell’elite inglese che quella dei nativi, accresce la consapevolezza di sé e di quanto c’è di ingiusto non mondo che la circonda, anche grazie all’incontro con il protagonista maschile.

Il romanzo è avvincente e romantico (non solo nel senso di “rosacover gemma Ceylon Frontali” ma, come ho detto, per il luogo e il periodo storico in cui si svolge) e i personaggi, in particolare i protagonisti, sono ben dipinti e non banali e destano da subito l’empatia del lettore.

 

Sinossi

Ceylon, 1817
A Dido Monica Monkford, dopo sei costose e sfortunate stagioni londinesi, non resta che emigrare nelle colonie per trovare un marito accettabile. A Ceylon si aspetta di sposare l’erede di Sir Havisham, ma appena sbarcata nell’esotica Colombo, scopre che le sue prospettive sono, suo malgrado, parecchio cambiate.
Nel frattempo la grande ribellione del popolo singalese contro il dominio britannico sta per infuriare…

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.