Chi li ha istruiti

Condivido totalmente

Lunanuvola's Blog

Quando nei giorni scorsi avete letto dello stupro di gruppo subito da una 15enne a Bari (cinque aggressori, un solo maggiorenne) vi siete chiesti chi ha spiegato a questi giovani maschi cos’è il sesso e come farlo? Io sì.

In primo luogo la pornografia.

Stante il facilissimo accesso a quella online essa è diventata una delle forme principali di “educazione sessuale” per le nuove generazioni. Quel che vedono e a cui si abituano è un contesto in cui non vi è consenso, rispetto o piacere reciproco, ne’ sicurezza. Lo scenario prevede maschi aggressivi totalmente in carico dell’iniziativa e dei suoi sviluppi, legittimati a usare i corpi delle donne in ogni modo loro aggradi coprendoli nel contempo di una valanga di insulti: schiaffi, pugni, calci, strangolamenti, penetrazioni così violente da causare lacerazioni ecc. sono ingredienti comuni della pornografia cosiddetta “mainstream”, cioè la maggioranza della pornografia prodotta e accessibile. Le donne…

View original post 483 altre parole

Annunci

Al via la II edizione di “Parole vaganti”, il contest di Libricitygroup

Per chi ama scrivere racconti o per chi ama leggerli suggerisco di leggere questo articolo sul blog Libricitygroup

 

https://libricitygroup.com/2017/07/12/al-via-la-ii-edizione-di-parole-vaganti-il-contest-letterario-in-cui-parla-il-lettore/

 

 

Autoeditoria: Intervista a Oscar J. Lufuluabo

Interessante intervista a Oscar J. Lufuluabo

Marco Freccero

home page libricity group

Da oggi, e spero per un po’, inizia un nuovo giro di interviste. Dopo quelle agli scrittori liguri ho deciso di ampliare i miei interessi e intervistare altri autori. Ma con uno scopo: quello di mostrare e dimostrare che un autore che si autopubblica (meglio: un autoeditore), non è affatto un dilettante, uno che si improvvisa. Si tratta, spesso, di persone che hanno ben chiaro quello che vogliono e che sanno come muoversi. Lo scopo di queste chiacchierate infatti, è indicare come l’autoeditoria, anche in Italia, sta crescendo e si sta lasciando alle spalle il dilettantismo, il pressapochismo, per diventare col tempo che passa, sempre più professionale.
A chi sono dedicate queste interviste? Al pubblico. Ai lettori, alle lettrici. Se è vero che tanta autopubblicazione è, ahimè, ancora di pessima qualità, ci sono sempre più autori e autrici che lavorano sui propri testi con passione e professionalità. E in futuro…

View original post 1.892 altre parole

Essere uno scrittore di (in)successo e vivere felice

Libricity Group

“Uno su mille ce la fa…”, cantava il Gianni Nazionale in uno dei suoi brani più famosi. Ma che vuol dire farcela? In ambito letterario significa poter vivere di scrittura, costruirsi una reputazione tale da garantirsi un editore disposto a investire in distribuzione e promozione per ogni nuovo libro, meritare, in soldoni, lo status professionale e sociale di “scrittore”. Ora, considerando la quantità di libri che escono ogni anno, il numero dei lettori sempre in calo e la cronica crisi economica e culturale che attanaglia il nostro paese, il rapporto espresso nella canzone sembra fin troppo ottimistico, andrebbe aggiornato a uno su diecimila o centomila, almeno.
Quindi, date le premesse, sarebbe facile immaginare una quantità di autori tormentati dall’insuccesso delle proprie opere, depressi e sull’orlo di una crisi di nervi.
Sbagliato.
Parlo della mia esperienza personale, ma credo di essere in buona e numerosa compagnia, sulla stessa barca con tante…

View original post 433 altre parole

Chiedi scusa – presentazione sul blog Babette Brown legge per voi

Ecco il link della presentazione di “Chiedi scusa“, il mio nuovo romanzo per ragazzi in ebook. Grazie al blog Babette Brown legge per voi.

http://babettebrown.it/segnalazione-chiedi-scusa-di-antonella-sacco/

cover CHIEDI SCUSA

Marcela Serrano

Un nuovo interessante blog che parla di libri e letture, Libricitygroup, a cui anch’io collaboro con qualche articolo.
Questo è il mio primo articolo.

Libricity Group

Marcela Serrano è nata a Santiago del Cile nel 1951 ed è una delle più importanti scrittrici sudamericane. Si è sempre impegnata per la realtà politica del suo paese e sostiene le rivendicazioni femministe, temi, entrambi, che si ritrovano costantemente nei suoi romanzi.

I suoi libri (la prima data è riferita alla pubblicazione originaria e l’altra alla prima in Italia):

Noi che ci vogliamo così bene (1991 – 1996)
Il tempo di Blanca (1993 – 1998)
Antigua, vita mia (1995 – 2000)
L’albergo delle donne tristi (1997 – 1999)
Nostra signora della solitudine (1999 – 2001)
Quel che c’è nel mio cuore (2001 – 2002)
Arrivederci piccole donne (2004 – 2004)
I quaderni del pianto (2007)
Dieci donne (2011)
Adorata nemica mia (2013)
Il giardino di Amelia (2016)

Ho scoperto Marcela Serrano grazie al consiglio di una collega, diversi anni fa. Il romanzo che mi era stato suggerito era “Il…

View original post 484 altre parole