Ada Byron Lovelace, matematica

Un altro “compleanno”

Antonella Sacco

Il 10 Dicembre 1815 nasceva a Londra Augusta Ada Byron, ovvero Ada Lovelace, dal nome del marito.

È stata una matematica e per ricordare il suo contributo a questa scienza riporto quanto ho raccontato nel capitolo 23 del romanzo per ragazzi Lidia,che detesta la Matematica.

(Quello che segue è un dialogo fra Lidia, la protagonista, e Oscar, il calzolaio appassionato di Matematica che l’aiuta nello studio di questa materia. La prima a parlare è Lidia.)

Lidia Copertina

«Mi avevi promesso di raccontarmi di qualche donna che ha fatto scoperte in matematica. Mi hai parlato solo di Teano e Ipazia.»

Non ha risposto subito, sembrava che riflettesse se accontentarmi o cercare sul libro un altro esercizio, poi ha deciso:

«Anche nei secoli successivi non ce ne sono state molte; certo che, se teniamo conto delle difficoltà che hanno incontrato, è già un successo che ce ne siano state alcune.

View original post 633 altre parole

Annunci

Il diavolo e il buon dio, J. P. Sartre

Una frase che mi ha colpito tanti anni fa e che non ho mai dimenticato

Antonella Sacco

Da giovane (intendendo con questo fra i sedici e i diciotto anni, una vita fa) ho letto quasi tutte le opere di narrativa e teatrali di Sartre. Di alcune ho visto anche le rappresentazioni teatrali.

Andando a memoria, in due parole la trama de Il diavolo e il buon dio è questa: un feroce condottiero decide di cambiare vita e fare solo del bene: però le azioni che compie per comportarsi con bontà e generosità mettono in pericolo le persone che dipendono da lui e allora si vede costretto a riprendere le armi.

La sintesi è sostanzialmente in questa frase, una battuta del condottiero (Goetz, mi pare questo il nome):

Il mondo è iniquità: se lo accetti ne sei complice, se lo cambi ne diventi il boia.

Questa frase mi ha colpita molto e ritengo che sia sostanzialmente vera, dev’essere per questo che la ricordo molto bene anche a distanza di…

View original post 26 altre parole

Domani, un racconto

Rebloggo questo racconto…

Antonella Sacco

Il fumo esce sottile dalla sigaretta, dapprima sale diritto, poi si scompone e si arrampica verso l’alto in volute sempre più larghe, sempre più incerte. Lo guardo con amore e rimorso.

“Devo smettere di fumare” mi dico.

Me lo ripeto di continuo, settimana dopo settimana, da quasi quattro anni.

“La prossima non l’accenderò fino a stasera” proclamo a me stesso, riponendo il pacchetto in tasca. Ma dopo neanche mezz’ora mi accorgo che ne sto spegnendo una da qualche parte. Un’altra. E così, continuando a promettere e a non mantenere, al calar della sera ho lasciato molte cicche dietro di me, come i sassi di Pollicino. Allora, anche per oggi, non posso che arrendermi: domani, ecco, domani, o al più tardi dopo domani ridurrò molto il numero di sigarette, addirittura andrò al lavoro con un pacchetto mezzo vuoto, così ne fumerò pochissime.

Ma quando esco non dimentico di intascare una provvista…

View original post 213 altre parole

IL PROSSIMO BEST SELLER *** e-book

Gratis oggi 11 e domani 12 novembre
su amazon

Antonella Sacco

Un nuovo ebook, un romanzo breve con sfumature gialle che narra, in tono ironico, la storia di uno scrittore che deve assolutamente scrivere un best seller per non essere mollato dal suo editore e dei grossi guai a cui va incontro cercando di riuscirci.

Come dico anche nell’introduzione il linguaggio è volutamente enfatico e costellato di avverbi in mente, l’uso dei quali, come si sa, è fortemente sconsigliato nella buona scrittura, come altresì sono demonizzati i cliché e i luoghi comuni e gli incisi tra parentesi che in questo romanzo hanno il compito di sottolineare l’aspetto umoristico.

Il titolo, ovviamente, non poteva essere che “Il prossimo best seller”.

Il prossimo best seller - cover

Qui sotto si può leggere l’incipit, per chi volesse assaggiarlo.

Uscì dall’ufficio del direttore della casa editrice che aveva pubblicato tutti i suoi romanzi risoluto a dare ben presto il…

View original post 242 altre parole

Giveaway di Storie di Storia

Se vi piace la storia, se vi piacciono i romanzi storici, questo giveaway fa per voi. E Isabel Giustiniani è un’autrice davvero brava e competente. (Potete leggere le mie impressioni di lettura dei suoi romanzi qui e qui). 

In occasione della prossima pubblicazione del romanzo storico “Il marchio di Sekhmet” di Isabel Giustiniani, Storie di Storia promuove per il mese di novembre un giveaway a tema Antico Egitto mettendo in palio copie cartacee e digitali di diverse opere.

Questo il link dove troverete le istruzioni per partecipare e la sinossi del romanzo: Storie di storia giveaway antico Egitto

 

 

 

Fra l’incudine e il martello

condivido ogni parola

Lunanuvola's Blog

(“Sexual Assault Survivors Are Caught Between A Rock And A Hard Place”, di Dina Honour, Bust Magazine, ottobre 2017, trad. Maria G. Di Rienzo. Dina è una scrittrice statunitense che vive con il marito e due figli in Danimarca.)

rock and hard place

Quando una denuncia di assalto sessuale o molestia che investe qualcuno di alto profilo raggiunge la stampa, potete star sicuri che la macchina del contrattacco andrà a velocità amplificata. Biasimo delle vittime, seguito da svergognamento delle vittime, il tutto circondato da un coro greco di “perché?”.

Perché lei non è venuta fuori prima? Perché non ha semplicemente detto “no”? Perché non l’ha detto a tutti, non ha interpellato la stampa, non denunciato penalmente e non ha difeso se stessa?

Come se fosse la cose più facile del mondo per una donna ergersi da sola nell’arena pubblica, che è già affamata e raglia per avere il suo sangue, e sbattere giù un…

View original post 1.252 altre parole

Abitudini dure a morire

Lunanuvola's Blog

(“Saudi women are now free to drive – but not to speak about it”, di Julia Rampen per The New Statesman, 27 settembre 2017, trad. Maria G. Di Rienzo. Ndt.: nello stesso giorno, 27 settembre, questo blog ha ricevuto 58 visite dall’Arabia Saudita, cifra irrisoria che diventa rilevante solo per la provenienza – di solito, se arriva un visitatore saudita al mese è tanto. Cercavano questi nomi, le donne di cui ho scritto e tradotto per anni: Manal Al-Sharif, Wajeha al-Huwaider, Fawzia Al-Oyouni. Sono le attiviste femministe che hanno sfidato per anni il divieto di guida automobilistica per le donne nel loro paese e perciò sono state incriminate, arrestate, multate ecc. senza che ciò le inducesse mai a por termine alle loro campagne per i diritti umani delle donne.)

saudi women

Le donne in Arabia Saudita possono finalmente avere patenti di guida, secondo il decreto reale. Nel mentre…

View original post 198 altre parole