Pubblicato in: Uncategorized

Almanacco: scrittori nati il 27 luglio

Antonella Sacco

Giosuè Carducci (1835 – 1907), poeta e scrittore italiano.
Premio Nobel per la letteratura nel 1906.
Ho letto di lui diverse poesie durante il periodo scolastico, alcune mi piacevano. Le immagini dei “cipressi alti e schietti in duplice filar” e dell’asino che mangia un “cardo rosso e turchino” sono impresse in modo indelebile nella mia memoria.

Jack Higgins (1929), scrittore britannico.
Di lui ho letto due romanzi, “Avviso di tempesta” e “La spia di vetro”, ma non li ricordo.

Alexandre Dumas (figlio) (1824 – 1895), scrittore e drammaturgo francese.
Autore fra l’altro de “La signora delle camelie” che ho letto e vista in teatro; conosco inoltre quasi a memoria “Traviata”, l’opera lirica di Giuseppe Verdi tratta da questo dramma, opera su cui ho scritto anche un racconto dal titolo “Un grande fuoco”.

View original post

Pubblicato in: Libri, Uncategorized

I cani di strada non ballano – Arturo Perez-Reverte * impressioni di lettura

(titolo originale “Lo perros duros no bailan”, 2018; traduzione di Bruno Arpaia)

Un romanzo breve in cui i personaggi sono tutti cani. Cani di strada, per lo più. Il protagonista è Nero, che per due anni ha combattuto contro altri cani in quello che chiama Scannatoio ed è poi diventato guardino del magazzino dello stesso padrone che lo aveva fatto combattere. Nero racconta in prima persona, ecco qualcosa di ciò che dice di sé:

Sono nato meticcio, incrocio fra un mastino spagnolo e un fila brasileiro.

Non a caso per due anni mi sono guadagnato da vivere con quelli che chiamano combattimenti di cani, sapete di cosa parlo: un cerchio – lo Scannatoio, in gergo cagnesco –, un mucchio di umani sudati e vociferanti che scommettono denaro e due lottatori dagli occhi febbrili che si affrontano a morsi. All’ultimo sangue. E cose del genere non accadono e poi si dimenticano facilmente.

Nero e altri cani, fra cui Agilulfo, un segugio magro, filosofo e colto, si incontrano all’Abbeveratoio di Margot, un canale di scolo in cui sversa una distilleria di anice, che Margot, una bovara delle Fiandre, tiene pulito e protetto dai gatti.

La storia si apre all’Abbeveratoio, dove Nero scambia due chiacchiere con Agilulfo e con Margot e dalla seconda pagina scopriamo quale sarà la trama: un altro cane, Teo, l’amico di Nero, è scomparso da alcuni giorni insieme a Boris il Bello e nessuno sa dove sia finito.

Un po’ di tempo prima l’amicizia fra Nero e Teo si era incrinata a causa di una femmina, Didone, che piaceva a tutti e due e aveva scelto Teo. Nonostante questo Nero decide di indagare e, domandando qua e là, segue le tracce di Teo e di Boris, scoprendo che quasi certamente sono stati catturati dagli uomini che organizzano i combattimenti fra cani. Per essere sicuro che le cose stiano così c’è solo un modo: farsi catturare da quegli stessi uomini. Così Nero torna ad essere per un po’ di nuovo un cane che combatte e questo lo costringe a uccidere ancora ma gli consente anche di ritrovare Teo…

Nero è un vero e proprio eroe, a mio parere, una sorta di Philip Marlowe, altrettanto disincantato e nello stesso tempo idealista. Non è perfetto, ha dovuto uccidere per sopravvivere, ma al momento in cui sente che l’amico è in pericolo rischia la vita per trovarlo e salvarlo, perché

Un cane non è altro che una lealtà in cerca di una causa.

Sfidando la sorte accetta di tornare al mondo da cui era uscito vivo – come a pochi succede – e si ritrova così a lottare contro i suoi simili, in allenamento e nel combattimento vero e proprio.

La cosa peggiore, nello Scannatoio come nella vita, non è il combattimento. È l’attesa.

Insomma, Nero fa quello che va fatto, una volta presa la decisione di cercare Teo non ha dubbi né incertezze, non si chiede quanto potrebbe costargli.

Intorno al protagonista molti personaggi, da Susa, la puttanella del Varco del Topo a Tequila, la capobanda dei cani trafficanti di ossi e resti di macelleria, da Helmut e i suoi compari neo-nazisti al bassotto Mortimer che

Andava subito al sodo. Ti si piantava davanti con le sue zampe corte, la coda tesa e gli occhi tranquilli, e ti spiattellava in faccia la verità senza battere ciglio. Era un cane a bruciapelo. Zero in diplomazia canina.

Sinossi

È per via dell’anice sversato nel fiume dalla distilleria che i cani del quartiere si riuniscono, di sera, all’Abbeveratoio di Margot. Oggi, tra un sorso e l’altro, serpeggia nell’aria la preoccupazione. Da parecchi giorni due di loro mancano all’appello: il ridgeback rhodesiano di nome Teo e il levriero russo Boris, detto Il Bello. Gli altri, i loro compagni, hanno intuito che la scomparsa nasconde qualcosa di sinistro e sono all’erta. E uno di loro, un meticcio con lo sguardo segnato dal sangue e dalla fatalità, un ex lottatore sopravvissuto a due anni di combattimenti feroci in un capannone di periferia, decide di cercarli. Il suo nome è Nero. Ha l’anima rappezzata e gli occhi da vecchio, cicatrici sul muso e nella memoria, ma da solo intraprende il viaggio, la sua nuova ricognizione nelle cattiverie della vita.

È indimenticabile questa storia nera che Pérez-Reverte inventa. Una compagnia di personaggi duri e beffardi, sui quali si staglia un meticcio coraggioso e solitario che si muove in un mondo diverso da quello degli umani, dentro il quale valgono soltanto le migliori regole della lealtà e dell’appartenenza. Un mondo che a volte ha clemenza per gli innocenti, e una giustizia per chi è colpevole.

Altri articoli su Arturo Perez-Reverte:

Il club Dumas

Due uomini buoni

Pubblicato in: Uncategorized

I farmaci generici, detti anche equivalenti, sono identici ai farmaci di ‘marca’? Facciamo chiarezza…

Un argomento che mi interessa

Medicina, Cultura, e Legge

Diciamo subito che un farmaco di ‘marca’ (originale), dalla prima autorizzazione all’immissione in commercio, è tutelato, in genere, per circa dieci anni dai diritti intellettuali (brevetto), questo per consentire all’azienda produttrice originaria di poter rientrare dei costi per gli investimenti adoperati nella ricerca e nello sviluppo del medicinale.

Solo dopo questo periodo di esclusiva commercializzazione (ovvero alla scadenza del brevetto per il principio attivo in oggetto) un medicinale potrà essere prodotto, attraverso diverse sperimentazioni e autorizzazioni, da altre aziende farmaceutiche e assumerà la denominazione di medicinale generico, o equivalente, il quale sarà venduto a un prezzo inferiore (di almeno il 20%).

Si premette che, per legge, è stabilitoche il contenuto di principio attivo in un medicinale, sia di marca, sia equivalente, rispetto al dichiarato (in etichetta) può oscillare da un minimo del 95% ad un massimo del 105%.

Il farmaco generico, o equivalente, dunque, ha la stessa…

View original post 507 altre parole

Pubblicato in: Uncategorized

Almanacco: scrittori nati il giorno 8 febbraio

Antonella Sacco

Jules Verne

(1828 – 1905), scrittore francese.
Uno dei padri della Fantascienza, indubbiamente. Di lui ho letto da ragazzina l’edizione ridotta di diversi romanzi e di recente la versione integrale (spero) de “Il giro del mondo in ottanta giorni”, “Viaggio al centro della terra” e “Il dottor Oss”.

Giuseppe Ungaretti

(1888- 1970), poeta e scrittore italiano.
Ho letto molte delle sue poesie. Trovo meravigliose quelle brevissime, fra tutte “Soldati” e “Fratelli”.

Soldati

Si sta come
d’autunno
sugli alberi
le foglie.

Fratelli

   Di che reggimento siete,
fratelli?
    Parola tramante
nella notte
    Foglia appena nata
    Nell’aria spasimante
involontaria rivolta
dell’uomo presente alla sua
fragilità
    Fratelli

John Grisham

(1955) scrittore statunitense.
Di grande successo. Di lui ho letto alcuni romanzi, fra cui “L’avvocato di strada” e “Il socio”.

View original post

Pubblicato in: Libri, Uncategorized

Luoghi popolati di figure – José Saramago – Impressioni di lettura

(Ho letto questo testo in formato ebook; non è citato il nome del traduttore.)

Una raccolta di 13 racconti narrati in prima persona che sono quasi più riflessioni: sui ricordi, sulla vita, su attimi. Testi molto brevi e molto poetici. Quasi diversi dai romanzi di Saramago, mi sono sembrati più lievi e, stranamente, li ho trovati privi della consueta amara ironia/critica, a parte pochissime frasi.

Qui sotto i titoli dei racconti e. per alcuni, una citazione o un commento.

Nessuno si bagna due volte nello stesso fiume

Le bondosas

È così che muoiono le infanzie, quando i ritorni non sono più possibili perché i ponti tagliati inclinano verso l’instancabile acqua le travi sconnesse nello spazio estraneo. Non c’è allora altro rimedio che quello del serpente: abbandonare la pelle nella quale non entriamo più, lasciarla a terra, tra i cespugli, e passare all’età successiva. La vita è breve, ma in essa entra più di quel che siamo in grado di vivere.

Giardino d’inverno

L’isola deserta

Un azzurro per Marte

La luna che ho conosciuto

Le terre

Nel cortile, un giardino di rose

La piazza

L’officina dello scultore

Il giardino di Boboli

Il narratore ricorda una visita al Giardino di Boboli e descrive un gruppo di italiani che sciamano intorno alla statua di Pietro Barbino che lui (o comunque il narratore) stava osservando: sono colorati, chiassosi, invadenti. Dopo di loro dei giapponesi, silenziosi, ordinati e freddi.

Parlo del giardino di Boboli, su cui dà il favoloso e anarchico museo di Palazzo Pitti, assurdo museologico da dove il visitatore esce saturo e perduto. Per recuperare l’equilibrio, presi a camminare nei viali, ascoltando il mormorio delle acque, scoprendo il nitore delle statue tra la mitezza di quei verdi toscani, per apprendere, insomma, a poco a poco, già lontano dai quadri, quel che gli stessi quadri dovevano ancora darmi. E alla curva di una strada alberata mi appare la statua di Pietro Barbino, nuda e obesa, mano alla Vita e gesto da oratore. È enigmatica questa figura. E anche un po’ ripugnante. V’è in essa una specie di insolenza, come se Pietro Barbino fosse il riflesso animale di ciascuno dei visitatori che gli si fermano davanti: “Non illuderti, sei esattamente come me – nano e deforme, oggetto di divertimento per un altro più potente di te”.

Il fiume più grande del mondo

…il silenzio si compone di innumerevoli rumori…

Una notte in Plaza Major

Purtroppo, non tutto può essere recuperato. Anche se tornassi cento volte a Firenze, anche se scegliessi il giorno e la luce, non sentirei come allora il brivido fisico (sì, il brivido fisico, nel senso letterale, fisiologico, dell’espressione) che mi percorse dalla testa ai piedi davanti all’entrata della Biblioteca Laurenziana progettata e costruita da Michelangelo. Sarebbe un miracolo, e i miracoli, se accadono, sono troppo preziosi per ripetersi. E non rivedrei sulla strada per Venezia quel sole sospeso tra una nebbia oleosa, da cui si irradiavano i colori dell’arcobaleno, ma blandi, smorti, come la città che sembrava fluttuare su zattere e andare alla deriva nella corrente.

Funzione della memoria è conservare queste cose prodigiose, difenderle dall’usura banalissima della quotidianità, gelosamente, perché forse sono la miglior ricchezza che abbiamo.

José Saramago (Azinhaga, Portogallo, 1922 – Tías, Isole Canarie, 2010) ha vinto il premio Nobel per la letteratura nel 1998.

Pubblicato in: Uncategorized

Natale punto e a capo – Concetta D’Orazio – Segnalazione

Segnalo l’uscita della racconta di racconti “Natale punto e a capo. Storie ai tempi della pandemia” di Concetta D’Orazio, disponibile in formato ebook e cartaceo sullo store di amazon. Tre racconti, ciascuno con protagonista una donna, tre storie che si svolgono ai nostri giorni, così difficili.

Ma ecco come la stessa autrice ci introduce alla sua raccolta:

Questa breve raccolta di racconti nasce da un’intuizione inconsueta che ho avuto nelle giornate trascorse in casa, a causa del confinamento generale dovuto alla pandemia. Questo periodo è stato duro per tutti, crudele. Negli animi si sono alternati sentimenti che ci hanno messo alla prova per lungo tempo: angoscia, incertezza, paura.

Il 2020 lo ricorderemo come l’anno delle insicurezze, della speranza alternata alla disperazione. Sin dai mesi iniziali abbiamo vissuto in balìa del caos, insicuri di poter arrivare alla fine di quell’incubo che non voglio nominare. Quella parola non la troverete nella mia raccolta. Non pronunciare quel flagello mi è parso un modo per tenerlo lontano, forse, o almeno per scacciarne il ricordo durante la lettura.

Trascorreremo un Natale diverso, come mai avremmo pensato. Sarà necessario rivedere le nostre abitudini, modificarle, calibrando di nuovo le speranze. Saranno giorni in cui ci concentreremo in maniera intima sul nostro essere interiore. Spero che la lettura delle mie storie possa offrire qualche momento di evasione.

Sinossi

Natale punto e a capo. Storie ai tempi della pandemia.
Una raccolta ambientata sul finire dell’anno 2020. Ogni racconto porta il nome di una donna.
Il destino, incomprensibile e meraviglioso allo stesso tempo, imprime il segno, in diverso modo, sulle vicende di Tina, Regina e Margherita.

Pubblicato in: Uncategorized

Arabesque

Un bel racconto di Litteratti

Litteratti

Si mise diligentemente in fila. Non ce la faceva proprio a non sorridere all’idea che per la prima volta in vita sua stava entrando in un Tesco. Ci era voluto un avvenimento epocale come una pandemia a metterlo in riga. Non l’aveva mai fatto prima, quando le file non c’erano e si poteva entrare e uscire dai negozi a piacimento come a casa propria. Ora però sentiva come se dovesse partecipare a un rito collettivo: condividere con gli altri il pericolo di stare insieme nell’attesa di un pizzico di speranza.

Meticoloso com’era contò quanti stavano davanti a lui con la precisione di un metronomo: disposti lungo un rigo invisibile, a intervalli regolari, come un’unica nota ripetuta – un sol naturale, quello delle sirene delle ambulanze che rompevano il silenzio nelle strade. Uno, due, tre, una testa laggiù… chissà se nel contare incrociò il numero delle fughe di Bach. Forse ricordò…

View original post 1.010 altre parole

Pubblicato in: Uncategorized

Tutorial: break free!

come non condividere?

Lunanuvola's Blog

Ora che la Rai (servizio pubblico), nel mezzo di ipocrite e superficiali manfrine sulla violenza contro le donne, vi ha fornito il tutorial su come si fa la spesa sembrando una perfetta cretina (eseguito da professionista di balletti attorno a un palo e presentato da professionista che asserisce di rappresentare la “categoria donna” e ci assicura di combattere ogni giorno per ciò in cui crede, ma purtroppo non ci dice in cosa le sue credenze consistano), mi sento perfettamente legittimata a produrre tutorial anche io.

Oggi, perciò, la vecchia cessa femminista vi spiegherà professionalmente – come attivista antiviolenza e trainer alla nonviolenza – quali concetti avreste dovuto trovare in articoli e servizi relativi al 25 novembre, Giorno internazionale contro la violenza di genere. Questi:

——————————

Si definisce violenza di genere la violenza diretta contro una persona sulla base del suo genere o sesso.

Il termine “sesso” si riferisce alle differenze…

View original post 1.324 altre parole