Perpetuo, eterno

Qualche giorno fa ho ascoltato in auto, alla radio, Perpetuum Mobile di Mendelssohn, suonato dal pianista Roberto Prosseda. Un pezzo che mi è piaciuto molto e che mi ha ricordato le Variazioni Goldberg di Bach.

2015-10-20-piano-e-spartito

Ho pensato che la parola perpetuo è una di quelle che mi suscitano una certa sensazione: perpetuo cioè che non finisce mai che s’è sempre stato e sempre sarà…

E mi è tornata alla mente la preghiera per i morti, che recitavo nell’infanzia e fino a poco dopo, preghiera in cui si parla di eterno riposo e di luce perpetua.

Il concetto di non avere una fine e nemmeno un inizio è qualcosa di inconcepibile, stante la nostra finitezza di esseri viventi: credo sia per questo che mi affascina.

 

Ebook gratis: Racconti brevi

Questo mio ebook di Racconti brevi, che contiene anche gli incipit dei romanzi “Agnes” e “La grande menzogna si può scaricare gratuitamente su tutti gli store.

cover-racconti-brevi-2016

È, come si dice, permafree.

Ecco alcuni link da cui si può scaricare

Amazon: https://www.amazon.it/dp/B00RMZZ3VC

Kobo: https://www.kobo.com/it/it/ebook/racconti-brevi-4

iTunes: https://itunes.apple.com/it/book/racconti-brevi/id1230835550?mt=11&ign-mpt=uo%3D4

Google Play: https://play.google.com/store/books/details?id=4k6_DgAAQBAJ


Tre piani: Il castello di seta – Laureen Caldwell * Impressioni di lettura

Questo romanzo è la seconda parte di Tre piani: L’attico di vetro ed è altrettanto ben scritto ed ha un linguaggio e uno stile particolari, come si può leggere in questo breve estratto:

Un’infermiera, o forse un medico, la ragazzina era rimasta parecchio tempo a interrogarsi su quella stranezza semantica, se era infermiera era donna, il medico era uomo, poteva essere il contrario, ma la condizione predefinita era quella, comunque un’entità in camice bianco, che la sua ribellione femminista adolescenziale rifiutava di incasellare, dato che non ne aveva trattenuto l’immagine in mente, aveva detto quelle parole, in un qualche momento. Il Lexotan le impediva di provare l’emozione che avrebbe dovuto, ovvero un sollievo enorme, smisurato, nel sapere che suo padre era vivo.

Nella storia ritroviamo i personaggi della prima parte, alcuni più presenti e altri meno; la vicenda è incentrata soprattutto sugli aspetti gialli e non mancano i colpi di scena.cover attico vetro 2 castello seta
Non so perché, però, fra i due romanzi mi aveva più intrigato il primo, forse per la novità costituita dalla scrittura. Ad ogni modo è una lettura che consiglio.
Personalmente avrei fatto a meno dell’Epilogo, che a mio parere banalizza un po’ un romanzo che di banale non ha molto.

Qui le mie impressioni di lettura sulla prima parte.

Sinossi

SECONDO E CONCLUSIVO VOLUME del ciclo ‘TRE PIANI’
Intrappolato nel suo attico di vetro, mentre Stella è lontana, Ian deve decidere se quello che vuole è una vita agiata e perfetta, o se combattere per essere felice.
Nel frattempo emergono nuovi inquietanti elementi dal passato di Stella, e Ian capisce che dietro il suo abbandono c’è molto altro… c’è qualcosa che potrebbe mettere in pericolo tutto quello che ha sempre voluto proteggere, e che adesso dipende soltanto da lui.
Stella, dal canto suo, non permetterà che chi ama venga coinvolto in qualcosa che ha già distrutto la sua vita, quando aveva soltanto sedici anni.
L’attico, perfetto e ordinato, comincia a mostrare le prime crepe…

 

“4 Billie” – Alessandra Dilor * Segnalazione

Segnalo l’uscita di questo romanzo in ebook, scritto da Alessandra Dilor.
Io lo leggerò a breve e vi saprò dire. Nel blog ho parlato anche di altri testi di questa autrice, a questo link.

cover 4 Billie

Sinossi

Quando Jesse Maxwell, trentenne scurrile e intrattabile è costretto a lasciare Austin per provvedere agli affari dell’impresa familiare, (rischio il licenziamento) non immagina di arrivare a toccare il fondo… Non si aspetta di dover curare gli interessi economici della Maxwell Corporation scontrandosi con Billie Jacox e la misteriosa scomparsa di sua madre. Soprattutto non immagina che l’attrazione può sorprenderlo nel luogo più impensabile, attraverso una ragazza completamente fuori dal comune.
Non sa che la vita può di nuovo apparirgli bella e che il suo cuore rischia di tornare a battere.

Io non sono una di quelle che cambia spesso le tende in cucina o il copridivano in salotto o il profumo che metto. A dire il vero neanche i fiori sulla lapide di mia madre.
Però c’è un momento della giornata, nel quale mi va di cambiare tutto quello che vedo: ogni mattina quando sono allo specchio e mi osservo. È questo il momento in cui desidero cambiare.”

Benedico il fatto che la mia ira spesso passi attraverso il mio corpo e non riesca a venire fuori al momento. Come corrente che rimane dentro di me e non scarica a terra, perché io non tocco mai terra.”

Alessandra Dilor è nata a Venafro in provincia di Isernia e vive divisa fra quest’ultima città e Pescara, dove studia. Ama da sempre disegnare e dipingere. Svolge lavori come graphic designer e modellista presso alcune imprese e associazioni.
4 Billie è il suo secondo romanzo.

Il contatto social dell’autrice: facebook – Fatal Flash Libro

 

Chiedi scusa – presentazione sul blog Babette Brown legge per voi

Ecco il link della presentazione di “Chiedi scusa“, il mio nuovo romanzo per ragazzi in ebook. Grazie al blog Babette Brown legge per voi.

http://babettebrown.it/segnalazione-chiedi-scusa-di-antonella-sacco/

cover CHIEDI SCUSA