Il libro dell’inquietudine, Fernando Pessoa #25

Un alito di musica o di sogno, qualcosa che faccia quasi sentire, qualcosa che non faccia pensare.

20170927_112307

 

 

Annunci

L’ultimo scalo del tramp steamer – Álvaro Mutis – Impressioni di lettura

(titolo originale La última escala del tramp steamer, 1988; letto nell’edizione 1999, trad. Gabriella Bonetti)

Un romanzo breve, una storia d’amore delicata e di cui si sa, fino dall’inizio, che non sarà “per sempre”. La trama è cadenzata sugli spostamenti di un vecchio tramp steamer, un’imbarcazione così descritta:

Con questa espressione (tramp steamer), come è noto, si definiscono i mercantili di piccolo tonnellaggio, che non appartengono a nessuna grande compagnia di navigazione e che viaggiano di porto in porto cercando carichi occasionali da trasportare.

La narrazione è in prima persona, ma il personaggio che racconta non è il protagonista della storia, o, almeno, dichiara fino dall’inizio di di non esserlo e di accingersi a narrare la vicenda amorosa di un altro che l’ha confidata a lui.

cover Mutis Tramp steamer

In qualche modo questo romanzo breve mi ha ricordato i testi di Conrad. Ma forse è solo perché parla un poco di mare e imbarcazioni e perché utilizza l’espediente letterario di un personaggio che racconta la storia di un altro personaggio.

Devo dire però che il romanzo non mi ha appassionata.

Riporto qui sotto due citazioni, una che afferma qualcosa che non condivido e l’altra perché la trovo bella. Entrambe sono riferite dal narratore all’occasionale compagno di viaggio che gli racconta la sua storia d’amore.

Lo disse senza tristezza, senza nemmeno la rassegnazione dei vinti: aveva il tono impersonale di chi spiega da una cattedra un processo chimico.

Ecco, sono sicura che un processo chimico venga spiegato con passione da chiunque trovi la chimica affascinante: forse non da tutti gli insegnanti ma da molti. Questa frase mi pare che esprima il solito cliché secondo cui le materie scientifiche non sono in grado di suscitare emozioni, per me niente di più falso.

L’altra citazione si commenta da sé, a mio parere e non aggiungo altro.

Definire «amore» un fenomeno così totale avrebbe significato cadere in una semplificazione di inaudita superficialità. Quando si pronuncia la parola «amore», le carte sono quasi sempre truccate. In lui si era risvegliato qualcosa che andava oltre le parole.

 

 

Torino #5 – il Museo Egizio

Ed ecco uno dei motivi per cui tenevo molto a visitare la città di Torino: il Museo Egizio.

20170923_151328 bl6

20170923_144401 bl5      20170923_144420 bl5

20170923_144004 bl5

Gli occhi dipinti sul sarcofago hanno lo scopo di permettere al defunto di vedere cosa succede fuori dal sarcofago.

20170923_141059 bl5

20170923_145411 bl5

20170923_144408 bl5

un letto

20170923_143755 bl5       20170923_143837 bl5

Papiri, con scritte e disegni. I papiri sono la cosa che mi affascina di più. forse perché si tratta di scrittura. Anche se non so leggere i geroglifici

20170923_144125 bl5

20170923_144041 bl5

20170923_145241 bl5

La locandina della mostra che era in corso, dedicata alle spedizioni archeologiche italiane in Egitto.

20170923_151334 bl6

 

 

Il primo a tornare fu il cane – Roberto Bonfanti * impressioni di lettura

Si tratta di una raccolta di cinque racconti, tutti ben scritti, assolutamente intriganti e avvincenti; con un mix di ironia e di occhio critico sul mondo che ci circonda.

Il primo, che dà il titolo alla raccolta ed è il più lungo ha una deriva surreale, come, in parte, anche il secondo; “La strega” e “2037” ironizzano, con più amarezza il primo, con un certo divertimento il secondo, sulla società odierna. Infine, l’ultimo racconto è un po’ come un dessert alla fine del pasto, perché lascia il lettore con un’immagine di tenerezza negli occhi.

Tutte le storie, comunque, hanno un finale “che spiazza”, come è nei migliori racconti.

cover primo a tornare il cane

 

I titoli:

IL PRIMO A TORNARE FU IL CANE

L’UOMO DEL BANCO DEI PEGNI

LA STREGA

2037

LE NOSTRE PASSEGGIATE NOTTURNE

 

La sinossi e altre informazioni sull’autore le trovate qui.

 

 

 

Abitudini dure a morire

Lunanuvola's Blog

(“Saudi women are now free to drive – but not to speak about it”, di Julia Rampen per The New Statesman, 27 settembre 2017, trad. Maria G. Di Rienzo. Ndt.: nello stesso giorno, 27 settembre, questo blog ha ricevuto 58 visite dall’Arabia Saudita, cifra irrisoria che diventa rilevante solo per la provenienza – di solito, se arriva un visitatore saudita al mese è tanto. Cercavano questi nomi, le donne di cui ho scritto e tradotto per anni: Manal Al-Sharif, Wajeha al-Huwaider, Fawzia Al-Oyouni. Sono le attiviste femministe che hanno sfidato per anni il divieto di guida automobilistica per le donne nel loro paese e perciò sono state incriminate, arrestate, multate ecc. senza che ciò le inducesse mai a por termine alle loro campagne per i diritti umani delle donne.)

saudi women

Le donne in Arabia Saudita possono finalmente avere patenti di guida, secondo il decreto reale. Nel mentre…

View original post 198 altre parole