Pubblicato in: Libri

2666 – Roberto Bolaño * cenni sulla trama

(titolo originale “2666”, 2004; traduzione di Ilide Carmignani, edizione italiana digitale del 2012)

Ricordo che questo romanzo è composto da 5 parti, che si intitolano rispettivamente: La parte dei critici, La parte di Amalfitano, La parte di Fate, La parte dei delitti, La parte di Arcimboldi.

In questo articolo lascio intanto un cenno alla trama di ciascuna delle cinque parti; i cinque romanzi sono tutto complessi e densi di personaggi, in particolare gli ultimi due, che sono anche più lunghi.

Forse non vi conviene proseguire nella lettura se intendete leggere il libro.

La parte dei critici

Quattro critici letterari di quattro diverse nazionalità diventano profondi ammiratori e conoscitori dello scrittore tedesco Benno von Arcimboldi, personaggio che non riescono a incontrare e che conoscono pochissime persone. Seguono le sue tracce fino in Messico, senza però trovarlo. A Santa Teresa sentono parlare di molti omicidi di donne avvenuto negli ultimi anni. Un mio breve commento lo trovate qui.

La parte di Amalfitano

Amalfitano è un professore che i critici conoscono a Santa Teresa, Messico, dove sono andati in cerca di Arcimboldi (di cui qualcuno ha segnalato la presenza o almeno il passaggio in quella città). Si è trasferito in Messico da Barcellona, insieme alla figlia Rosa; sua moglie, Lola, lo aveva abbandonato per andare a visitare un poeta che viveva in un manicomio quando ancora viveva a Barcellona e Rosa era bambina. Viene raccontata la storia di Lola: le sue visite al poeta, una relazione con un uomo conosciuto al cimitero (dove Lola per qualche tempo vive), infine la visita alla casa del marito per rivedere la figlia dopo sette anni, perché è malata.

A Santa Teresa Amalfitano trova fra i suoi libri un testo di geometria che non ricorda di aver mai preso; lo appende ai fili per i panni in giardino, come aveva fatto Duchamp in una delle sue opere.

Fra le altre cose, a un certo punto inizia a sentire una “voce” e dopo aver cercato di sfuggirle per più giorni, accetta di ascoltarla e parlarci. Forse è la voce di suo padre.

La parte di Fate

Oscar Fate (in realtà si chiama Quincy Williams) è un giornalista americano di colore. La sua parte inizia con la morte della madre e con un viaggio che fa a Detroit come inviato della rivista per cui lavora per parlare con Barry Seaman, ex pantera nera di cui ci viene raccontata una parte della vita (è stato in prigione; poi ha scritto un libro di ricette sulle costolette di maiale) e che va a fare una conferenza su paura, denaro, cibo, stelle, utilità.

Fate viene poi incaricato di andare a Santa Teresa, Messico, per scrivere un articolo sull’incontro di pugilato fra un pugile americano (Count Pickett) e uno messicano (Merolino Fernandez). Dopo un volo fino a Tuckson va in auto fino a Santa Teresa, attraversando il deserto.

Conosce diverse persone fra cui vari altri giornalisti sportivi sia americani sia messicani e con questi anche il pugile Merolino Fernandez. Quando viene a sapere che in città sono state uccise circa duecento donne, forse da uno stesso assassino, chiede al suo capo se dopo l’incontro di boxe può rimanere per indagare e scrivere un pezzo su questa vicenda ma il capo gli dice che l’argomento non è interessante e che il soggiorno costa troppo. Fate incontra anche una giornalista messicana, giovane, che deve intervistare il principale indiziato, un uomo arrestato per gli omicidi, e poi anche Rosa Amalfitano. Dopo l’incontro il giornalista resta con un gruppo di messicani che ha conosciuto, fra cui Rosa; quando accompagna a casa la ragazza, Amalfitano gli chiede di portarla in USA con sé e farle prendere un aereo per Barcellona. Fate parte quindi con Rosa e con la giornalista, dopo essere stato con lei a fare l’intervista in carcere.

La parte dei delitti

Questa parte si svolge a Santa Teresa e racconta delle donne uccise in questa città.

I personaggi sono molti e di molti viene raccontata una parte della vita, a volte breve a volte anche piuttosto lunga. Oltre alle vittime e ai sospettati dei delitti, vi sono investigatori e giornalisti; fra gli altri: Sergio Gonzales, giornalista culturale; Juan de Dios Martinez. l’agente della polizia giudiziaria che segue alcuni dei casi di omicidio; Elvira Campos, la direttrice del manicomio; Harry Magenta, uno sceriffo americano che va a Santa Teresa a indagare; Florita Almada, una curandera che ha delle visioni sulle donne uccise; Kessler, un anziano ex detective USA che ha anche scritto un libro ed è stato consulente x film su serial killer; Lalo Cura, un sedicenne assunto come guardia del corpo della moglie di un narcotrafficante che poi diventa un poliziotto.

Tutta la parte è un susseguirsi del racconto dei ritrovamenti dei cadaveri delle donne e bambine, in ordine cronologico, inframmezzato dalle indagini e dai racconti che riguardano i personaggi coinvolti.

Un uomo viene accusato di alcuni dei delitti e viene messo in prigione, in attesa del processo; è un tedesco con cittadinanza degli Stati Uniti, Klaus Haas, proprietario di alcuni negozi di computer; di lui vengono raccontate soprattutto le vicende in carcere.

Tutta questa parte è una sorta di affresco delle condizioni di Santa Teresa (e del Messico, suppongo), in cui fra le altre cose c’è un’enorme corruzione, la polizia è impotente (quando non corrotta, ovviamente) e così pure la stampa.

In questa parte i dialoghi non sono introdotti dai consueti simboli, come accade nei romanzi di Saramago.

La parte di Arcimboldi

La parte narra la storia di Hans Reiter, iniziando da suo padre, che perde una gamba nella guerra del 15-18 e con sua madre, guercia. Hans ama il mare e l’acqua; ha una sorella di circa dieci anni più giovane, Lotte. Hans frequenta la scuola fino a undici-dodici anni, poi inizia a fare dei lavori semplici; quando è più grande viene richiamato alle armi e con l’esercito si muove per l’Europa (fra le altre cose trascorre mesi alla linea Maginot e poi in Polonia).

Viene ferito e, durante la convalescenza che trascorre in un villaggio, trova in un’isba il diario di un ebreo, Boris Ansky, e lo legge più e più volte. Verso la fine della guerra Hans viene fatto prigioniero dagli americani, come altri soldati tedeschi; nel campo dove viene detenuto conosce un certo Sommer ex sindaco di una cittadina che gli racconta di aver fatto sopprimere circa 400 ebrei e lo uccide, senza essere scoperto.

Finita la guerra si stabilisce a Colonia dove lavora come buttafuori in un bar. Ritrova una ragazza conosciuta tempo prima, Ingeborg, e si mette con lei. Scrive un romanzo che firma come Benno von Arcimboldi (riferimento espresso al pittore italiano del Seicento) e lo manda a vari editori.

Un editore di Amburgo, Bubis (quello citato nella Parte dei Critici), che ha settant’anni anni ed è sposato con una trentenne, la baronessa Von Zumpe, una donna che Hans-Benno ha conosciuto quando era ragazzo. decide di pubblicarlo. Hans va ad Amburgo per firmare il contratto e Bubis capisce che Benno non è il suo nome ma lui non gli svela quello vero.

Ingeborg ha la tbc e dopo qualche anno muore; Arcimboldi va a Venezia e lavora come giardiniere pur continuando a scrivere e a pubblicare. È un solitario, che non guarda la tv né rilascia interviste; evita le persone.

L’editore muore e la casa editrice viene gestita dalla sua vedova, la baronessa.

Di quando in quando lei e Benno si rivedono e mantengono comunque una corrispondenza.

A questo punto viene raccontata la storia di Lotte Reiter (la sorella di Hans-Arcimboldi): bambina (molto unita al fratello maggiore), adolescente, donna; Lotte sposa Werner Haas e da lui ha un figlio, Klaus, che somiglia a Hans. Klaus è un po’ scapestrato e da adulto (sui vent’anni) va vivere a New York) e dà pochissime notizie di sé alla famiglia. Lotte ha un incubo ricorrente sulla casa americana del figlio. Muore Werner.

Nel 1995 Lotte riceve un telegramma da Santa Teresa (Messico) dall’avvocata di Klaus che è in carcere accusato dell’uccisione di alcune donne. Inizia per Lotte un susseguirsi di viaggi in Messico per andare a trovare Klaus. Nel 2001, prima di partire per il Messico, all’aeroporto di Francoforte, compra per caso un libro di Arcimboldi e scopre che il romanzo narra la sua infanzia (con Hans e la famiglia). Ne racconta a Klaus e gli lascia il libro; telefona all’editrice di Benno e parla con la baronessa spiegandogli di essere la sorella dello scrittore. Quando Lotte torna in Germania, Hans va a farle vistita e lei gli chiede di occuparsi di Klaus (quando lei non ci sarà più).

Il giorno dopo Hans va ad Amburgo per prendere un volo diretto per il Messico; si ferma a un bar e parla con il discendente del creatore in un gelato.

Pubblicato in: Libri

2666 – Roberto Bolaño * Impressioni di lettura #1

(titolo originale “2666”, 2004; traduzione di Ilide Carmignani, edizione italiana digitale del 2012)

Questo romanzo è composto da 5 parti, che si intitolano rispettivamente: La parte dei critici, La parte di Amalfitano, La parte di Fate, La parte dei delitti, La parte di Arcimboldi.

Al momento ho finito “La parte dei critici” e, in effetti, i protagonisti sono quattro critici letterari: Pelletier, Espinoza, Liz Norton e Morini, rispettivamente un francese, uno spagnolo, un’inglese e un italiano. I quattro sono accomunati dalla passione e l’interesse per uno scrittore tedesco, Benno von Arcimboldi di cui diventano i principali conoscitori. Si tratta di un interesse profondo, quasi maniacale, forse dovuto anche al fatto che lo scrittore pare scomparso, da anni nessuno lo ha più visto e le tracce di lui sono pochissime, confuse e probabilmente illusoria.

La vicenda narrata ruota intorno a questa passione e alla ricerca dello scrittore ma anche ai rapporti fra i quattro, che sono molto profondi nonostante vivano in nazioni diverse; l’unica donna, Liz Norton, ha – forse – anche il ruolo di collante del gruppo, non per nulla diviene l’amante di tutti e tre gli amici.

2666 – le parti che ho letto, ovviamente – mi è piaciuto moltissimo, la scrittura è ironica, vi traspare cultura ma non è pedante; l’autore riesce a rendere credibile, ovvio e naturale qualunque evento, dettaglio o altro di cui scrive; ogni azione compiuta o parola detta dai protagonisti o dagli altri personaggi suona naturale, anche quando potrebbe apparire insolita.

Conoscevo di nome questo scrittore ma non avevo mai letto niente di suo; qualche giorno fa un post su Facebook mi ha incuriosita: come in altri casi di scrittori considerati grandi (ad esempio Saramago) qualcuno decantava la genialità e qualcun altro l’illeggibilità, la noia. Ho pertanto deciso di farmi una mia opinione e sono contenta di aver intrapreso questa lettura. Sono abbastanza sicura che anche le quattro parti che mi mancano non mi deluderanno.

Non ho ancora scoperto il perché del titolo, non ho cercato commenti in rete perché non voglio essere influenzata, ho solo scorso la biografia di Bolaño tanto per avere un’idea.

Al momento sto leggendo “La parte dei delitti” e, in effetti, un lungo elenco di omicidi, commessi in Messico, a Santa Teresa, di donne e bambine (la maggior parte anche stuprate e picchiate) sembra essere l’elemento che accomuna la quattro parte.