Chiedi scusa – presentazione sul blog Babette Brown legge per voi

Ecco il link della presentazione di “Chiedi scusa“, il mio nuovo romanzo per ragazzi in ebook. Grazie al blog Babette Brown legge per voi.

http://babettebrown.it/segnalazione-chiedi-scusa-di-antonella-sacco/

cover CHIEDI SCUSA

“Lo specchio”, raccolta di racconti di Antonella Sacco, recensione di Daniela Domenici

L recensione di Daniela Domenici alla mia raccolta di racconti.
Grazie!

daniela e dintorni

lo specchio

27 racconti brevi e brevissimi, come tante istantanee. Racconti surreali, imprevedibili, ironici, fantastici, inquietanti ma sempre densi di emozioni. Racconti in cui ho sperimentato stili, tempi narrativi e punti di vista diversi fra loro per mostrare storie simili sotto varie angolature”: questa è la sinossi che Antonella Sacco ha scritto su Amazon per questa sua raccolta che ho appena finito di leggere con piacere e interesse.

Racconti che sono esattamente come li definisce l’autrice ma i due aggettivi che personalmente penso li caratterizzino meglio sono “surreali” e “inquietanti” e sicuramente molto densi di emozioni.

Alcuni sono brevi flash più che racconti, altri sono più lunghi e strutturati, i miei preferiti tra tutti sono “sull’autobus”, “luci della città”, “l’ascensore”, “la lettera”, “bestiacce” e “storie di paese” ma mi sono piaciuti tanto anche “la veglia”, “il pianoforte”, “autostrada”, “mostra di pittura”, “un cane stupido”, “telefonata”, “l’incipit”, “ingratitudine”, “fumo”, “overdose” e…

View original post 37 altre parole

Tre brevi storie con delitto e altri 9 racconti

In questo ebook ho riunito dodici racconti brevi e brevissimi che ruotano intorno al tema della morte, spesso violenta. Il tono è prevalentemente drammatico, ma non mancano accenti ironici e surreali, che sono caratteristici della mia scrittura.

copertina TRE

Qui di seguito alcuni estratti.

L’uomo le indicò una strada in cui girare, poi un’altra. Le mostrava le vie da prendere solo con un cenno della mano, dopo l’ordine di partire non aveva più aperto bocca. Chi era? Sbirciò verso di lui. Lo aveva appena intravisto, nella penombra del tramonto ormai quasi trascorso. Né giovane né vecchio, né bello né brutto. Un uomo come tanti, di quelli che se ti passano accanto sul marciapiedi neppure te ne accorgi. Nel suo aspetto nessuna traccia lasciava intuire chi fosse, da che cosa fuggisse. Aveva commesso un reato o era una vittima? Era disposto a usare la pistola contro di lei? L’aveva minacciata per indurla a partire, ma avrebbe sparato se lei non avesse obbedito?

(da “Fuga”)

Un uomo con le mani sporche. Anche i vestiti sono macchiati. Uccide con un coltello. Un colpo e poi un altro e un altro ancora. È per questo che c’è tanto sangue. Dappertutto.
Il coltello affonda nel petto. Ne esce sangue. Estrae il coltello e lo affonda nella pancia. E poi ancora nello stomaco, nella pancia, decine di volte. Facile. Facilissimo, dopo il primo colpo.
Si ferma ansimando. Affaticato.
Ripone in tasca il coltello e si piega sul corpo scivolato a terra, fra vecchie scatole di cartone e bottiglie vuote. Rifiuto tra i rifiuti. Il sangue ha inzuppato la camicia e scende sull’asfalto. Lui lo guarda affascinato.

(da “Libero, finalmente “)

Iniziò a scattare foto: dettagli, scena d’insieme, il corpo. Era bella, ma aveva qualcosa che lo turbava. Si guardò intorno alla ricerca di indizi sentendosi come il suo eroe, Philip Marlowe. Finalmente gli si presentava l’occasione di dar prova del suo acume: avrebbe scoperto l’assassino e si sarebbe fatto conoscere. La sua carriera di investigatore avrebbe avuto una svolta decisiva. Verso l’alto, ovviamente.

(da “Una giornata no“)

Questa prigionia mi fa tornare alla mente i libri che divoravo da ragazzo, in cui gli eroi superavano prove e difficoltà di ogni genere e i cattivi soccombevano sempre. Quei cavalieri popolavano la mia fantasia, ed ero con loro quando fuggivano dalle segrete in cui il nemico li aveva gettati, quando si battevano in duello per salvare la fanciulla del cuore o l’amico ferito, quando cavalcavano. Li ammiravo con tutto me stesso, e sognavo di diventare come loro. Invece sono un funzionario di banca a pochi anni dalla pensione, e loro un lontano ricordo che questa assurda situazione, chissà perché, ha evocato.

(da “Impossibile“)


“Un grande fuoco” di Antonella Sacco, recensione di Daniela Domenici

Rebloggo anche questo… e ringrazio Daniela Dominici.

daniela e dintorni

 un grande fuoco

Ancora una scrittrice italiana che mi “chiama” da Amazon con il suo libro e che mi fa emozionare: è Antonella Sacco con la sua raccolta di racconti “Un grande fuoco”, 10 storie diverse sia per lunghezza che per argomento ma tutte accomunate da uno stile narrativo ineccepibile, da una deliziosa ironia in alcuni, da una dolce fantasia in altri fino al bellissimo racconto, il più lungo e articolato, che dà il titolo alla raccolta e che è un mix di amore per la musica lirica e di voglia di colmare, a modo suo, il “gender gap” che esiste anche nei libretti delle opere.

Bravissima Antonella, la tua vena ironica mi ha fatto sorridere in “Consumo ergo” che si svolge in un qualunque supermercato durante la spesa, in “Domani” sulla dipendenza da fumo e in “Una lotta impari” dedicato alla lavatrice vista non come un elettrodomestico utile ma come…non ve…

View original post 60 altre parole