Pubblicato in: Libri

In biblioteca #21

I due libri di Carlotto-Videtta che ho preso in prestito quattro giorni fa me li sono bevuti e sono andata a prendere gli altri due della serie:

Le vendicatrici – Sara. Il prezzo della verità (3) – Massimo Carlotto- Marco Videtta

Le vendicatrici – Luz. Solo per amore (4) Massimo Carlotto – Marco Videtta

Sono romanzi d’azione con donne ex vittime per protagoniste.


Pubblicato in: Libri

Polizia – Jo Nesbø

(titolo originale Politi – trad. Eva Kampmann; pubblicato nel 2013)

Parlare di questo romanzo senza fare spoiler è davvero difficile. Sia con riferimento alla “serie” di libri che hanno come protagonista Harry Hole, sia con riferimento alla vicenda narrata.
Le morti di poliziotti (e non solo) sono davvero tante e durante lo svolgimento della trama i sospetti si appuntano via via ora su questo ora su quello: di certo le opzioni non mancano, fra personaggi corrotti o instabili psichicamente. L’intreccio è complesso e ben gestito, alla fine tutto viene spiegato, tutto o quasi: immagino che sia per dare il “la” a un nuovo episodio. Un thriller d’azione e con parecchia suspense, che, nonostante le quasi 650 pagine) si vuole leggere il più possibile in fretta per sapere “come va a finire” scena per scena e l’intero romanzo.
Mi è piaciuto.

 

Dalla quarta di copertina:

Un serial killer ha preso di mira il corpo di polizia di Oslo. Qualcuno sta uccidendo gli agenti in modo brutale. Qualcuno di cui si fidano. Cos’altro deve succedere perché Harry Hole si decida a intervenire? Ammesso che sia ancora vivo.


Pubblicato in: Citazioni, Libri, Scrittura

Milan Kundera, L’arte del romanzo

L’uomo vuole, attraverso l’azione, rivelare la propria immagine, ma questa immagine non gli assomiglia.” (pag. 9)

Rendere “vivo” un personaggio significa: andare fino in fondo alla sua problematica esistenziale. Significa cioè andare fino in fondo ad alcune situazioni, alcuni motivi, alcune parole, direi, di cui è fatto niente di più. (pag. 14)

 La sola ragion d’essere del romanzo sta nel dire quello che solo il romanzo può dire. (pag. 14)