Pubblicato in: Libri

Il mostruoso femminile – Jude Ellison Sady Doyle * impressioni di lettura

(titolo originale Dead Blondes and Bad Mothers: Monstrosity, Patriarchy, and the Fear of Female Power, 2019; trad. Laura Fantoni (2021), edizioni Tlon)

In questo saggio l’autrice analizza i modi in cui viene proposta l’immagine della donna nei miti, nei film, nei romanzi con specifico riferimento a donne che “fanno paura”, che sono “mostruose”. In realtà le donne risultano essere tutte mostruose dal momento in cui riescono a liberarsi dal controllo della società ovvero dell’uomo (visto che la società è patriarcale). Ed è questo che spaventa, il fatto che le donne, che hanno l’immenso potere di dare la vita, possano decidere per se stesse e quindi divenire incontrollate e incontrollabili.

Jude Ellison Sady Doyle scrive di femminismo e questo libro è un libro femminista. E tutto quello di cui parla è assolutamente attuale, purtroppo: la parità di genere (espressione che a me non piace, ma questo non significa niente) è ancora un’utopia e la violenza che le donne subiscono dagli uomini (in tutti i sensi e modi) una realtà.

Il mostruoso femminile” tratta di temi importanti sui quali è opportuno fermarsi a riflettere e che andrebbero portati all’attenzione, in particolare, dei giovani, visto che un cambiamento è possibile solo da domani e quindi è nelle mani e nelle menti delle giovani generazioni.

Qualche citazione:

La mostruosità femminile si insinua in ogni mito, dal più noto al meno conosciuto…

Queste figure – di una bellezza letale o di una bruttezza intollerabile, subdole o traboccanti di furore animale – rappresentano tutto ciò che gli uomini trovano minaccioso nelle donne: bellezza, intelligenza, rabbia e ambizione.

L’umanità è definita dagli uomini, perciò le donne, che non sono uomini, non sono umane.

Il patriarcato è un’egemonia culturale e morale che impone un’unica e “naturale” struttura familiare – quella in cui l’uomo si serve della donna per procreare e crescere i “suoi” bambini e dove il padre esercita un’autorità indiscutibile su madre e figli….

La facoltà maschile di disporre sessualmente delle donne è il fondamento del patriarcato. … La sessualità femminile può esistere solo con il permesso maschile e in risposta al bisogno maschile; in realtà, il desiderio femminile è così intrinsecamente sovversivo che sarebbe meglio far finta che non esista.

Affinché sia inattaccabile, il patriarcato deve essere rappresentato come necessario.

Sinossi

Se un mostro è un corpo spaventoso perché fuori controllo, una donna mostruosa è una donna libera dal controllo dell’uomo. “Il mostruoso femminile” è un saggio sulla natura selvaggia della femminilità, che viaggia tra mito e letteratura, cronaca nera e cinema horror, mostrando la primordiale paura che il patriarcato nutre da sempre nei confronti delle donne. Da “L’esorcista” alla dea babilonese Tiamat, dalla biblica Lilith a “Giovani streghe”, attraversano leggende e vite dimenticate, Jude Ellison S. Doyle compie un viaggio alla scoperta dell’oscura potenza delle donne, rivendicando l’orrore come forza creatrice, capace di rompere le catene millenarie dell’oppressione patriarcale.