Pubblicato in: Almanacco, Citazioni, Libri

Almanacco: scrittori nati il 15 ottobre

Publio Virgilio Marone

(Publius Vergilius Maro) (70 a.C. – 19 a. C.), poeta romano.
Ricordi di scuola, certo. Brani molto belli, personaggi memorabili.

Friedrich Wilhelm Nietzsche

(1844 – 1900), scrittore e filosofo tedesco.
Ho “Così parlò Zarathustra”, ma ne ho letto, molti anni fa, solo alcune decine di pagine.

S. S. Van Dine

(Willard Huntington Wright) (1887 – 1939) scrittore statunitense.
Ho letto di lui molti dei suoi gialli, solitamente piuttosto raffinati. È uno dei miei autori favoriti di gialli classici.

Italo Calvino

(1923 – 1985), scrittore italiano.
In assoluto uno dei miei scrittori preferiti. Per le sue storie e per come scrive, certo, ma molto per la curiosità che, secondo me, dimostra nella varietà dei soggetti di cui scrive. Una grande fantasia e una grande misura nella scrittura, e poi ironia e profondità…
E come ulteriore eredità le sue “Lezioni americane“, che ad ogni lettura svelano nuovi spunti per lettori e scrittori. Oltre a questo libro i miei preferiti sono “Se una notte d’inverno un viaggiatore“, geniale collage di incipit e “Le città invisibili“.

la fine de “Le Città invisibili”
E Polo: – L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n’è uno, è quello che è già qui, l’inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischiose ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.

Ed McBain

(Evan Hunter) ( 1926 – 2005), scrittore statunitense.
Autore di gialli; ho letto suoi romanzi ma non è uno dei miei preferiti.

 

Pubblicato in: Almanacco, Libri

Almanacco: scrittrici e scrittori nati il 15 settembre

Marco Polo

(1254 – 1324), scrittore italiano.
Non ho letto “Il Milione“, ma Marco Polo è comunque un personaggio mitico.

 

François de La Rochefoucauld

(1613 – 1680), scrittore e aforista francese.
Lo conosco per le sue massime, se ne leggono spesso, qua e là.

 

James Fenimore Cooper

(1789 – 1851), scrittore statunitense.
Di lui ho letto da bambina una versione ridotta (all’epoca si usava molto) del suo romanzo più famoso: “L’ultimo dei Mohicani“; triste perché il Mohicano muore.

Agatha Mary Clarissa Miller, Lady Mallowan, ovvero

Agatha Christie

e Mary Westmacott (pseudonimo) (1890 – 1976), scrittrice britannica.
Ho letto tutti o quasi i suoi gialli, alcuni sono davvero capolavori del genere giallo deduttivo, e anche uno dei romanzi firmato come Mary Westmacott, “Il pane del gigante“, che non ricordo molto.
Fra gli investigatori creati da Agatha Christie preferisco Miss Marple a Poirot, ma trovo entrambe le serie di romanzi comunque gradevoli.
Un romanzo che non ha come protagonista né Poirot né miss Marple e che ogni tanto rileggo è “L’uomo vestito di marrone“.

 

Pubblicato in: Almanacco, Libri

Almanacco: scrittrici e scrittori nati il 12 agosto

Francesco Domenico Guerrazzi

(1804 – 1873), politico e scrittore italiano.
Ricordo dei tempi di scuola.

Mary Roberts Rinehart

(1876 – 1958), scrittrice statunitense, soprattutto di romanzi polizieschi.
Ho letto alcuni dei suoi gialli, ma non ricordo i titoli; ho visto il film “La scala a chiocciola”, tratto da un suo romanzo.

Bianca Pitzorno

(1942), scrittrice italiana.
Autrice soprattutto di romanzi per ragazzi, in questo campo una delle più famose e importanti d’Italia.
Di lei ho letto “Clorofilla dal cielo blu”, “Principessa Laurentina”, “La bambinaia francese” e “Storia delle mie storie”, quest’ultima una sorta di autobiografia.
Ne “La bambinaia francese” uno dei personaggi è la moglie pazza di Rochester, uno dei protagonisti di “Jane Eyre”; è complessivamente un romanzo interessante e molto bel scritto. Anche “Clorofilla…” mi è piaciuto molto, pieno di fantasia ma inserita nella vita quotidiana, come dev’essere un bel libro per ragazzi.

 

Pubblicato in: Almanacco, Libri

Almanacco: scrittrici e scrittori nati il 3 agosto

Clifford Donald Simak (1904 – 1988), scrittore statunitense.

Grande autore di fantascienza. Ho letto vari suoi romanzi, quello che mi è piaciuto di più è “City”; un altro fra i miei preferiti è “L’anello intorno al sole”. I romanzi di Simak, a mio parere, hanno (almeno quelli che ho letto) una componente filosofica piuttosto importante, in alcuni casi quasi preponderante rispetto alla storia narrata.

 

P. D. James (1920), scrittrice britannica.

Autrice di gialli, fra cui di sicuro ne ho letti due della serie che ha come investigatore l’ispettore Adam Dalgliesh (“Sangue innocente” e “Copritele il volto”), ma probabilmente anche altri di cui non ho serbato traccia. Nel 2015 ho letto “Morte a Pemberley“, con i personaggi di “Orgoglio e pregiudizio”.

 

Leon Uris (1924 – 2003), scrittore statunitense.

Autore di romanzi ambientati in periodi e situazioni storiche per lo più del Ventesimo Secolo: ho letto diversi dei suoi romanzi e ho amato moltissimo “Exodus” (da cui è stato tratto un film di Otto Preminger con Paul Newman ed Eva Marie Saint. “Exodus” ha come “sfondo storico” la nascita dello stato di Israele, la “terra promessa” verso cui si recavano molti dei sopravvissuti ai campi di sterminio nazista.

 

Pubblicato in: Almanacco, Libri

Almanacco: poeti e scrittori nati il 12 luglio

Pablo Neruda (1904 – 1973). poeta cileno

Premio Nobel per la letteratura nel 1971.

Di lui ho letto qualche poesia e, pochi anni fa, l’autobiografia “Confesso che ho vissuto”.

 

Donald E. Westlake (1933 – 2008), scrittore statunitense.

Scrittore di gialli che ha usato molti pseudonimi. Ho letto di lui vari libri, firmati in vario modo (ero una lettrice dei gialli Mondadori, proprio come mia madre), ma non ricordo nessun titolo.

 

Aldo Nove (1967), scrittore italiano

Ho letto di lui “Woobinda”, racconti di cui però non ricordo nulla. Probabilmente non mi avevano colpita molto.

 

Pubblicato in: Almanacco, Libri

Almanacco: scrittori nati il 21 giugno

Stuart Palmer (1905 – 1968), scrittore statunitense.

È stato autore soprattutto di romanzi gialli, i più famosi dei quali hanno come protagonista Hildegarde Withers; ho letto diversi dei piacevoli romanzi con questo personaggio. Gialli “classici”, con riflessioni e deduzioni, un po’ “alla Agatha Christie”, per intenderci.


Joaquim Maria Machado de Assis (1839 – 1908), scrittore e poeta brasiliano.

Di lui non ho letto niente, ma oltre a conoscerlo di fama ho trovato il suo nome citato in alcuni romanzi che ho letto.