Pubblicato in: Libri, Romance & rosa, Uncategorized

Il visconte nero – Roberta Ciuffi * Impressioni di lettura

Sinossi

Devonshire, 1852. È passato un anno da quando Lady Farleigh è morta cadendo dalla scogliera. La versione ufficiale parla di suicidio ma molte voci girano su suo marito, Lord Farleigh, il cui comportamento folle e selvaggio in quell’ultimo anno gli è valso i nomignoli di Black Tom, il visconte nero, il visconte maledetto. E ha fatto puntare su di lui i sospetti per alcune feroci aggressioni ai danni di donne della zona.cover visconte nero
Annabelle Trenton è una famosa sensitiva di Londra, qualcuno dice possa evocare gli spiriti. E quando Lord Wadelton e Lady Lydia, fratello e sorella della defunta Lady Farleigh, le propongono di andare nel Devonshire per cercare di scoprire cosa stia succedendo al loro cognato, lei accetta. Annabelle proviene dagli slums di Londra, è cresciuta in un orfanotrofio dove la sua gemella è morta. Non è mai uscita dalla città e accetta la strana proposta dei suoi clienti come un’avventura. Dovrà cercare di penetrare nelle emozioni di Lord Farleigh, comprendere le ragioni della sua apparente follia e, se possibile, tentare di guarirlo.
Sempre che non sia stato lui a uccidere sua moglie e aggredire le donne di Lyncombe Dale… Cosa che Annabelle spera con tutto il cuore non abbia fatto. Perché in quella terra per lei sconosciuta, non ha scoperto solo cosa significhi l’amore per la libertà, il cielo aperto e il mare, ma anche quello per un uomo. L’unico sentimento che la più famosa sensitiva di Londra non era mai riuscita a comprendere. Prima di allora.

Il mio commento

Un romanzo rosa intriso di giallo.

La vicenda della morte della moglie mi ha ricordato “Rebecca, la prima moglie”, ma solo per il fatto che in entrambi i casi la morte avviene in mare o vicino, in quanto le due storie sono decisamente diverse.
La protagonista, Arabella, oltre a essere dotata di una sensibilità fuori dal comune, rivela anche qualità di psicologa, che le consentono sia di penetrare nella solitudine di Lord Farleigh che di analizzare le persone che gli sono vicine e condurre la sua indagine alla ricerca della verità.
La scena finale in cui si scopre cosa davvero è successo a Lady Farleigh è una di quelle classiche del giallo, con tutti i personaggi coinvolti radunati insieme in una stanza, dove si troveranno più o meno costretti a rivelare cose che fino a quel momento avevano taciuto. Solo che al posto dell’investigatore c’è una giovane donna, una sensitiva.
Ho trovato il romanzo piacevole, abbastanza originale e ben scritto. La storia è intrigante e ben condotta, la trama e i personaggi coerenti.