Pubblicato in: Libri, Segnalazione nuove uscite

Il buio in rete: noir – Marialuisa Moro – Segnalazione

Segnalo il nuovo romanzo di Marialuisa Moro, un’autrice self davvero brava e molto amata dai lettori. A questo link potete leggere anche la mia intervista a Marialuisa Moro. E, se cercate nel blog il suo nome, potrete leggere le mie impressioni di lettura a diversi dei suoi romanzi. Lo trovate come ebook amazon kindle..cover buio in rete MM

Questa la sinossi

Iveta, ventenne studentessa praghese, convinta di avere in mano degli elementi validi, vola in Italia per fare luce sulla sorte dell’amica Hana, scomparsa il giorno del suo arrivo e poi trovata morta e seviziata in un sotterraneo. Nel corso delle sue indagini personali, si trova suo malgrado vittima di un’attrazione fatale verso un ragazzo che potrebbe essere – o non essere- l’assassino della sua più cara amica. In una serie di alti e bassi, di luci e di ombre, di colpe e discolpe che non le danno tregua, cede alla passione, si pente, cede ancora… Ma chi è davvero l’irresistibile Mauro? Alla controversa personalità di Iveta fanno da sfondo una magica Praga e una Milano cupa e sinistra, popolata di personaggi perversi.

 

Pubblicato in: Libri

Il re degli inganni – Simona Friio * impressioni di lettura

Un romanzo storico ambientato ai tempi della costruzione del duomo di Milano. Le vicende personali di Alma, la protagonista, si intrecciano in modo magistrale con quelle politiche e militari dell’Italia centro settentrionale.

cover Re inganni

Una storia avvincente che si legge tutta d’un fiato.

Mi è piaciuta molto la protagonista, perché nonostante la sua condizione di esposta (cioè di orfana) allevata in un convento di suore, ambisce ad imparare, vuole accedere alla cultura, che è riservata solo ai maschi e negata alle femmine, e fa in modo di rubarne un po’. Una scelta che in parte le condiziona la vita, sia in positivo, perché un giovane è più libero di una fanciulla, sia in negativo, perché non può abbandonarsi ai sentimenti femminili che prova.

Ben scritto, ben narrato, personaggi interessanti.

Sinossi

È il 1387 quando Alma della Casa di Pietà raggiunge la Val d’Ossola, lasciando l’abbazia dove, sotto mentite spoglie, ha appreso gli insegnamenti dei monaci di San Gallo. La sua ambizione è emanciparsi, riscattarsi da una condizione debole e umiliante perché le femmine non sono buone a niente, questo le dicevano le consorelle prima che fuggisse dal convento natio.
A Candoglia si presenta con lo stesso nome con il quale si è ritagliata un posto alla scuola dell’abate Remigius, Goffredo, ed è in cerca di un impiego.
La cava nei pressi del monte Orfano si dice che dia lavoro a molti. A Milano si sta costruendo la cattedrale dei Visconti e tanta operosità sembra fatta proprio al caso suo. Il Maestro di pietra, Rodolfo Della Terra, accetta di arruolarla nella squadra, ma le affida mansioni leggere. Si è accorto subito del suo fisico da signorino…
Alma, affascinata dalla vita in cava, entusiasta della vita in generale al di fuori di un convento, si lascia stregare dalla quotidianità di una realtà rurale fatta di cose semplici. Impara ad apprezzare le persone e le loro debolezze. Tocca con mano la sofferenza e il dolore, quando la peste arriverà a mietere centinaia di vittime. C’è una cosa, però, che ostacola il suo desiderio di emancipazione: i sentimenti che nutre verso Rodolfo Della Terra… Ed è sotto il peso di quel segreto che Alma lascia Candoglia e approda a Milano, la città per eccellenza, il regno dei Visconti.
A causa di un equivoco, però, è imprigionata nella fortezza, dove conosce Francesco Novello detto il Carrarese, erede della Signoria di Padova. Nonostante le condizioni e l’avversa circostanza della prigionia, fanno conoscenza. Escogitano un piano ed evadono, ma lei è costretta a rivelargli la propria identità.
Il clima che si respira è foriero di sventura. La minaccia di un’altra guerra per la conquista dei territori è alle porte e la questione papale si riaccende: Avignone o Roma? Gli eserciti sono in marcia verso Alessandria.
Rodolfo, con il suo piccolo esercito di picasass e contadini, si unisce alle milizie viscontee per combattere contro lo stesso Carrarese. E contro di lei…

 

Pubblicato in: Libri

Marialuisa Moro – Tarocchi: giallo lombardo-bavarese

Ho letto diverse opere di questa autrice e, a mio parere, la sua scrittura sta seguendo una parabola ascendente, trovo i suoi romanzi sempre più convincenti. Marialuisa Moro penetra nella psicologia di un’umanità sostanzialmente infelice, insoddisfatta, spesso meschina, solo di rado rischiarata da momenti o personaggi rasserenanti. E lo fa attraverso un mezzo che le è sempre più congeniale: il thriller, disegnando vicende possibili, talvolta appena venate di arcano, in cui sono attrici le passioni umane o diverse forme di follia.

Questo romanzo ha come protagonista un anziano commissario, non molto perspicace, che però, appassionandosi all’indagine di cui si deve occupare, si fa via via più acuto e intraprendente, grazie anche alle intuizioni di una delle persone coinvolte nel caso, con cui stringe una sorta di amicizia. Tutti i personaggi sono molto realistici e umani, prede delle loro diverse debolezze. La storia, ben scritta, è ricca di colpi di scena e decisamente intrigante.

Consigliato a chi ama le storie avvincenti.

cover Tarocchi

 

Questa la sinossi

Omicidi a catena in una Milano invernale cupa e nebbiosa. Le indagini, che spaziano dalla Lombardia alla Baviera, a un certo punto si arenano. Riuscirà un commissario fallito, in coppia con una strana donna dalle doti particolari a dipanare la matassa? Eppure, c’è sempre un ma…