Pubblicato in: Citazioni, I miei libri, Libri, Scrittura

Progetti #1 – un romanzo

A breve, spero, pubblicherò un nuovo romanzo in formato ebook Kindle, il cui titolo dovrebbe essere “La grande menzogna” (ma potrebbe diventare “La più grande menzogna”).

Al momento l’ho affidato ad alcuni beta reader, per avere un riscontro pre-pubblicazione. È una cosa che non ho fatto per nessuno degli altri ebook e quindi rappresenta per me una nuova esperienza.

Non so come mi comporterò se le critiche di questi lettori saranno tali da farmi mettere in dubbio l’opportunità di pubblicare il romanzo. Spero che questo non accada, ovviamente, ma la possibilità esiste. In questo momento però non ci voglio pensare, avrò tempo e modo di farlo se sarà il caso.

Anche in questo romanzo si parla di scrittori, ma il tono non è ironico come ne “Il prossimo best seller”. La vicenda è una sorta di giallo psicologico, anche se non si tratta neanche stavolta di un vero e proprio giallo. È una storia, anzi l’intreccio di due storie, che in certo senso vanno a sovrapporsi.

Trascrivo alcuni dei pensieri espressi da uno dei protagonisti sulla scrittura, perché somigliano molto ai miei.

I personaggi e le loro vicende mi premono dentro, se non li libero mi sento sul punto di scoppiare. Resisto finché posso, ma alla fine vincono loro. Mi chiedo se sono fantasmi che vagano per l’etere alla ricerca di qualcuno che dia loro una sorta di corpo e di vita.

Dapprima è un caos, un alternarsi di buio e luce, un confondersi di immagini e di sensazioni. Poi, lentamente, linee disordinate e disperse si uniscono, un po’ per volta, e si formano figure sempre più distinte, con una loro volontà e vicende loro da raccontare. Allora scrivo. Forse, fra un po’, questi giorni saranno sufficientemente lontani nel tempo e diverranno altro, concime necessario per un nuovo raccolto. Il mio passato, quel che avviene intorno a me e nel mondo si depositano a strati nel mio inconscio, e, lì, nutrono fantasmi.

Niente di quello di cui scrivo esiste. Ma è poi così sicuro che la realtà sia proprio quella che consideriamo tale? E i mondi creati nella fantasia cosa sono? Sono davvero senza consistenza oppure hanno la realtà che scegliamo di dare loro? A volte penso che i miei romanzi trattino di persone vere, che io non conosco, ma che in qualche modo comunicano con me e mi raccontano le loro vicende, così che io le possa mettere su carta.

Tutti i miei personaggi inseguono se stessi, in un modo o nell’altro. Si scrive sempre la stessa storia, qualcuno l’ha detto. Magari a pezzi, di certo cambiando gli attori e, solo apparentemente, le scene: da ciascuno di noi non può venire fuori altro che quello che ha dentro, è inevitabile.


Pubblicato in: I miei libri, Libri

Il prossimo best seller – la nuova cover

Di nuovo due righe su questo mio romanzo breve (o racconto lungo se vi piace di più), dal tono ironico (molto) e giallo (un po’), in occasione della nuova copertina dell’ebook, disegnata da Manuela Paric, che ringrazio molto.

Il prossimo best seller - cover

Il prossimo best seller” racconta le avventure di Martin, uno scrittore che trova l’ispirazione per i suoi libri negli oggetti contenuti in una valigia. Peccato che l’oggetto che lo “chiama” questa volta lo farà finire in un sacco di guai…

La vicenda di Martin consente di dare uno sguardo ironico alla scrittura e all’aspirazione al successo ma penso che possa offrire anche lo spunti per riflettere, volendo, sui vari temi trattati.

 

Pubblicato in: Fuori dal libro, Libri, Scrittura

Il nostro esperimento di scrittura a più mani

 

Questo articolo esce contemporaneamente su quattro blog: Queste pagine, Ant Sacco, Chiacchiere e distintivo e Pagine sporche.

Siamo quattro autori indie di ebook e abbiamo pensato di intraprendere un esperimento: dare voce ad alcuni dei nostri personaggi e farli incontrare in un territorio immaginario, più immaginario di quello per cui sono nati, ovvero le nostre storie.

Abbiamo fatto incontrare i nostri personaggi in un parco virtuale, senza averli avvisati prima. Una bella sorpresa, ma ci sembra che stiano reagendo bene, almeno alcuni… Si sono trovati lì, ora hanno bisogno di comprendere in quale strana situazione siano capitati. I personaggi naturalmente li abbiamo scelti fra quelli dei nostri ebook:

Iolanda è la donna vissuta in epoca medievale di “Sette giri di donna,  di Concetta D’Orazio;

Martin è lo scrittore protagonista di “Il prossimo best seller”, di Antonella Sacco;

Il Professore viene dal saggio sui generis La conferenza mediatica del Professor Leonard Knowall”, di Roberto Bonfanti;

Antonio è il personaggio principale del “Papa Nuovo” uno dei racconti contenuti inMadre Terra”, di Mario Pacchiarotti.

7 donne x post RB

La povera Iolanda è la più confusa, lei arriva da un’epoca molto lontana, ed è quella che pare avere più problemi di tutti, in senso pratico: oltre a non comprendere bene le espressioni dei suoi compagni è costretta a sopportare un peso fisico reale: ha le caviglie ed i polsi stretti da pesanti catene che, pur permettendole di muoversi, la costringono a compiere passi lenti e faticosi.

Gli altri personaggi notano la diversità e lo stato di prostrazione di questa ragazza. Vorrebbero fare qualcosa per lei. Antonio ha con sé una tronchese e riesce a liberarla da quel gravame. La giovane, tuttavia, si sente ancora oppressa: ha l’anima incatenata. Qualcuno, in un’esistenza precedente, o comunque diversa, l’ha accusata di aver commesso gravi peccati. Iolanda, per quanti sforzi faccia, non riesce a comprendere quali possano essere le colpe di cui si è macchiata. copertina definitiva  Il prossimo best seller

Martin, che in quanto scrittore dovrebbe e potrebbe essere il più adattabile di tutti perché ricco di fantasia e immaginazione sembra invece essere il più impaziente di tornare alla sua quotidianità. In realtà si capisce che  ha paura, anche se nemmeno lui sa bene di cosa. Del resto quasi sempre il sentimento della paura è legato a ciò che non si conosce, che non si sa. Affrontare un pericolo noto è relativamente semplice, in confronto a fronteggiare qualcosa che non si comprende.

Il professor Leonard Knowall è una sorta di maître à penser, un auto-proclamato guru e scrittore, un po’ narcisista e logorroico, dalla battuta pronta e, forse, quello più consapevole della propria natura di personaggio letterario. Si dimostra sin da subito piuttosto fatalista e non troppo a disagio nella situazione, professore x blogda vero uomo di mondo quale pensa di essere. Non è uomo d’azione, ma piuttosto propenso a prendere le cose con filosofia.

Antonio è una persona semplice, ma al tempo stesso abituata a trovare sempre una soluzione a qualsiasi problema. Per questo rimane abbastanza silenzioso, rimuginando su quanto gli sta accadendo. Questa volta però è alquanto improbabile che possa trovare il bandolo della matassa. Vedremo come si comporterà quando si renderà conto di non essere in grado, almeno stavolta, di gestire razionalmente il corso degli avvenimenti.  madre terra x blog

I nostri personaggi, dunque, si ritrovano in una situazione insolita, in un tempo indeterminato, a risolvere strane situazioni. Non possono modificare questa nuova realtà né possono abbandonarla a loro piacimento.

La loro è una costrizione di scena e di trama.

Così ha inizio il nostro esperimento che consiste in una scrittura estemporanea a più mani, o meglio a più tastiere. Come ogni prova che si rispetti, non conosciamo gli esiti cui questo “gioco” porterà né sappiamo a priori come la situazione evolverà.

Ci immedesimiamo ancora una volta nei nostri personaggi per scoprire quali sarebbero le loro reazioni ed azioni su questo inatteso palcoscenico.

Chi è interessato agli sviluppi di questo esperimento letterario ci potrà seguire sui nostri rispettivi diari di facebook, dove pubblicheremo dei capitoli sotto forma di post e commenti, preceduti dal nome del personaggio.

Se i risultati ci piaceranno potremo anche scrivere qualche articolo sui nostri blog. Insomma non potrete fare a meno di rimanere coinvolti in questa assurda ma simpatica idea.

Concetta D’Orazio

Antonella Sacco

Roberto Bonfanti

Mario Pacchiarotti

Pubblicato in: I miei libri, Scrittura

IL PROSSIMO BEST SELLER *** e-book

 

Un nuovo ebook, un romanzo breve con sfumature gialle che narra, in tono ironico, la storia di uno scrittore che deve assolutamente scrivere un best seller per non essere mollato dal suo editore e dei grossi guai a cui va incontro cercando di riuscirci.

Come dico anche nell’introduzione il linguaggio è volutamente enfatico e costellato di avverbi in mente, l’uso dei quali, come si sa, è fortemente sconsigliato nella buona scrittura, come altresì sono demonizzati i cliché e i luoghi comuni e gli incisi tra parentesi che in questo romanzo hanno il compito di sottolineare l’aspetto umoristico.

Il titolo, ovviamente, non poteva essere che “Il prossimo best seller”.

Il prossimo best seller - cover

 

Qui sotto si può leggere l’incipit, per chi volesse assaggiarlo.

 

Uscì dall’ufficio del direttore della casa editrice che aveva pubblicato tutti i suoi romanzi risoluto a dare ben presto il meglio di sé in un nuovo libro, che sarebbe diventato il prossimo best seller.

Era determinato ma infastidito: nelle parole di incoraggiamento del direttore aveva avvertito una nota stonata, soprattutto quando questi aveva accennato a K33-XY, lo scrittore simbolo della casa editrice concorrente. Per quanto le frasi fossero di circostanza e di lode per i suoi trascorsi successi, il tono lasciava infatti trapelare una sorta di larvata minaccia: offrirò un contratto a lui se non scrivi qualcosa di altrettanto buono alla svelta.

Tutto perché il suo ultimo libro aveva venduto solo fra le cinquanta e le sessantamila copie, mentre quello di K33-XY (che razza di pseudonimo, sembrava il codice di una spia o quello di un volo di linea, niente a che vedere col suo, evocativo e romantico, ma nello stesso tempo maschio: Martin Juppiter) aveva sfiorato le ottocentomila copie.

Era furioso: l’unico parametro che per il direttore misurava la qualità di un autore era il denaro che Vecchia cover Il prossimo best sellersi poteva trarre dalle sue opere. Lo aveva sempre saputo, ma fino ad allora non era stato un problema. Ora sì: se non avesse consegnato un nuovo dattiloscritto in pochi mesi e questo non avesse scalato le vette delle classifiche dei libri più venduti avrebbe dovuto cercarsi un altro editore.

Alzò le spalle: non aveva niente di cui preoccuparsi; avrebbero visto tutti cosa era capace di scrivere e il direttore e K33-XY sarebbero rimasti di stucco.

 

E questo è il link per l’acquisto:

http://www.amazon.it/dp/B00HCK6Q6I/