Constance contro tutti – Ray Bradbury * impressioni di lettura

(titolo originale Let’s all kill Constance, 2003; letto nell’edizione 2003, trad. Giuseppe Lippi * Ray Bradbury (1920 – 2012))

cover Constance

Devo ammettere che non ho capito molto questo romanzo e questo mi spiace. O, meglio, non abbastanza da sentirmi trascinata o affascinata, eccetto per le frasi che ho riportato in due post. L’idea è intrigante, ma forse per cogliere bene ogni implicazione avrei dovuto conoscere di più la storia del Cinema.
Sul risvolto di copertina (che non avevo consultato prima di prendere in prestito il volume in biblioteca, mi bastava che l’autore fosse Bradbury e poi, diciamocelo, l’immagine di copertina è davvero ammiccante) si legge inoltre che i personaggi di questo libro erano già stati protagonisti di altri due romanzi, che io non ho letto, quindi forse – dico forse – anche per questo non mi sono gustata a dovere “Constance contro tutti”.
Chi è Constance? Constance Rattigan è una stella del cinema muto. E il suo essere attrice in pratica è la sostanza dell’intero romanzo. Fra gli altri personaggi un giovane scrittore e un poliziotto, del resto si tratta di una sorta di giallo o di noir.

 

 

Annunci

Constance contro tutti – Ray Bradbury * citazione

(titolo originale Let’s all kill Constance, 2003; letto nell’edizione 2003, trad. Giuseppe Lippi * Ray Bradbury (1920 – 2012))

cover ConstanceAmmetto di non capire molto questo romanzo, comunque non ho ancora finito di leggerlo.

Ad ogni modo ho trovato una frase che mi è piaciuta molto e prendo nota:

…fuochi d’artificio che esplodono sul gran schermo affamato, rapidi come ricordi e svelti come il rimorso?

 

È quello svelti come il rimorso che mi ha colpita.

 

 

 

2017 in libri: i miei personaggi preferiti

Nei libri che ho letto quest’anno ho incontrato, ovviamente, molti personaggi e alcuni mi hanno colpita e mi sono piaciuti più di altri.

Li elenco, in ordine casuale, senza riportare il romanzo da cui sono tratti.

Scarlett e Chris

Claire e Ashton

Lauren e Kit

Atticus e Scout

Arabelle e Bryan

Alma

Ottavia Lenate, Massimo Valerio Messalla e Antares

Wulfric Bedwyn duca di Bewcastle

E voi? Chi avete incontrato di speciale?

libri letti 2017 x pst personaggilibri letti 2017 1     libri letti 2017 3    libri letti 2017 7

 

 

Constance contro tutti – Ray Bradbury * incipit

(titolo originale Let’s all kill Constance, 2003; letto nell’edizione 2003, trad. Giuseppe Lippi * Ray Bradbury (1920 – 2012))cover Constance

Per chi pensa che solo Snoopy inizi il suo romanzo con quelle mitiche parole… ecco la smentita: l’incipit del romanzo di Bradbury:

Era una notte buia e tempestosa.
È così che si avvince il lettore?
Bene, allora, era una notte buia e tempestosa e la pioggia cedeva scura e a rovesci su Venice, California, da un cielo di mezzanotte sconvolto dai lampi.

 

La paternità della frase (ci dice Wikipedia) è di Edward Bulwer-Lytton, che la scrisse nel racconto Paul Clifford, pubblicato nel 1830.

 

Il mondo sommerso – J. G. Ballard * citazione

(titolo originale The Drowned World, 1962; letto nell’edizione 2005, trad. Stefano Massaron * James Graham Ballard (Shanghai 1930 – Shepperton 2009))

cover Mondo sommerso Ballard

Le righe che riporto sotto mi hanno colpita molto, come del resto l’argomento del romanzo, che non ho ancora finito di leggere. Considerato che è stato pubblicato nel 1962 lo trovo quasi profetico, anche se, ancora, il mondo non è sommerso.

A proposito di profezie… ho appena letto su Wikipedia che Ballard, in un libro del 1970, previde l’elezione di Reagan a presidente degli USA, cosa che avvenne nel 1981. Niente male, eh? Una bella sincronicità

(Il pensiero sotto riportato è del protagonista, il biologo Robert Kerans; i sogni a cui si riferisce sono quelli che fanno lui e altri che vivono con lui in una sorta di isola, quello che resta, non sommerso dalle acque, della città di Londra)

(Logico. Quale malattia ha una prognosi più certa e ineluttabile della vita stessa? Ogni mattina una persona dovrebbe dire ai suoi amici più cari: “Mi rammarico per la tua morte irrevocabile”, come si dice a chiunque soffra di un male incurabile; non era forse proprio l’omissione universale di questo minimo gesto di simpatia e di comprensione a fornire il modello per l’innata riluttanza a discutere apertamente dei propri sogni?)

 

 

Il marchio di Sekhmet (File JE60754 spin off) – Isabel Giustiniani * Impressioni di lettura

(ebook self, formato Kindle)
Leggendo questo romanzo ci immergiamo in un mondo lontano nel tempo, affascinante e crudele. Seguendo le vicende di Khemfre, narrate da lui stesso, assistiamo all’ascesa al trono di Tutankhamon, alla fine del culto del di Aton con la restaurazione della religione dei tanti dei, fra cui Sekhmet, la dea dalla testa di leonessa, divinità delle guerre, delle epidemie e delle guarigioni. Isabel Giustiniani ci offre, con la sua cura dei dettagli, uno spaccato molto vivo della vita degli egiziani in quel periodo.

cove r marchio Sekmet

Ma ci offre anche la storia di un ragazzo che, nonostante la morte del padre e una grave ferita riportata in battaglia, riesce a diventare quello che aveva sempre desiderato, un medico. Ma altre difficoltà ostacolano il suo cammino e fra queste anche la passione per la donna sbagliata per eccellenza, la moglie del faraone. L’autrice è riuscita a fondere la precisione dei dettagli storici con una trama avvincente e coinvolgente.

Una scrittura corretta, come negli altri romanzi di Isabel Giustiniani, uno stile pulito.

Sinossi

Una dea senza pietà.
Una passione proibita.
Un destino più forte
del potere del faraone.

Khemfre è solo un bambino quando lui e il fratello Neferu sono costretti a fuggire dalla capitale del Paese delle Due Terre, la città fondata da Akhenaton. L’assassinio del faraone, infatti, ha gettato pesanti ombre sul padre dei due ragazzi, capitano delle guardie reali.
La caduta del culto monoteistico di Aton, e il conseguente ritorno degli antichi dei, trova Khemfre e Neferu arruolati nelle file dell’esercito del potente generale Horemheb.
Mentre l’ambizioso Neferu prosegue la carriera militare tra i seguaci di Sekhmet – dea della guerra e Signora del terrore e della strage – fino a occupare a palazzo la posizione che era stata del padre, Khemfre abbraccia l’altra anima della temibile dea leonessa: quella di Signora della vita e protettrice dei medici, scelta che lo porterà infine a diventare sunu personale del giovane faraone Tutankhamon.
Ma il destino non concede riscatti e Khemfre lo scoprirà non appena incrociato lo sguardo di Ankhesenamon, la Grande Sposa Reale, venendo trascinato in un turbine di passione e intrighi di corte che metterà in discussione tutto ciò in cui ha sempre creduto.

Il marchio di Sekhmet” è uno spin-off della serie File JE60754 ma è anche un romanzo autoconclusivo a sé stante che può essere letto senza conoscere gli altri libri.