Pubblicato in: Libri

Mario, Sad Dog Project e le fiere

Mario Pacchiarotti, un autore indie che stimo e di cui sono “amica virtuale” è un membro del gruppo di autori indie Sad Dog Project.

Nei prossimi mesi il gruppo e/o alcuni membra parteciperanno ad alcune fiere relative libri & affini.

Questo sotto è il link all’articolo del blog di Mario in cui sono elencate “le uscite ufficiali”.

http://www.paginesporche.it/2016/08/23/si-va-per-fiere/

Ripropongo anche la cover dell’ultimo romanzo di Mario, che ho letto, gustato, recensito e che consiglio.

baby_boomers_pict_WEB-225x300


Pubblicato in: Libri, Riflessioni

Libri letti nel mese di Dicembre 2015, #1

Ecco i primi libri che ho letto in questo mese; fra questi due ebook.

Home run, Lorenzo Sartori

Un racconto lungo, di fantascienza. Un uomo, oggetto di esperimenti in un centro ricerche situato su un’isola in mezzo all’oceano, tenta più volte di fuggire, ma viene sempre catturato di nuovo. Qualcosa, però, forse è sfuggito agli scienziati che lo stanno usando come cavia… Una storia ben scritta e avvincente, ben costruita. L’ebook fa parte del progetto Sad Dog.

La profezia della stella, Marina Mayer (Flaminia Mancinelli)

Il lungo romanzo viene definito dall’autrice archeothriller e, in effetti, l’archeologia ha un ruolo da protagonista. Due storie intrecciate, una di duemila anni fa e una dei giorni nostri, collegate da reperti archeologici su cui troppi vogliono mettere le mani. Un intreccio fra interessi prettamente materiali e interessi politico-religiosi, su una base storica accurata e documentata. Interessante e avvincente, con personaggi ben tratteggiati e credibili.

Sonno, Murakami Haruki

(illustrazioni Kat Menschik, titolo originale Nemuri, trad. Antonietta Pastore)
Un inquietante racconto lungo, con illustrazioni in bianco nero e argento. Una donna, improvvisamente, non ha più la necessità di dormire. La donna tiene segreta a tutti la sua insonnia; quando il marito e il figlio dormono si alza dal letto e legge; durante il giorno non prova né stanchezza né sonno, anzi sente la necessità di muoversi più di prima. Con il passare dei giorni, durante la notte inizia a fare giri con la sua utilitaria e si sente sempre più lontana dalla famiglia, pur continuando ad amarla, soprattutto il figlio. Il racconto, scritto in prima persona, è una riflessione su questo strano stato, sui suoi possibili motivi e sulle sue conseguenze e anche sulla vita della protagonista. Il finale, a mio parere, è quasi brusco; penso che ciascun lettore possa interpretare a suo modo l’insonnia della protagonista e l’epilogo. La scrittura è impeccabile, come lo è solitamente nei libri di Murakami Haruki.

La lettrice di mezzanotte, Alice Ozma

(titolo originale The Reading Promise, trad. Chiara Brovelli)
Un padre (bibliotecario) promette alla figlia di nove anni che le leggerà qualcosa tutte le sere per cento sere consecutive. Le letture diventano ben 3918, interrompendosi quando la figlia parte per il college. È una sorta di favola, in cui vengono narrati episodi della vita della famiglia e in cui la promessa di letture fa da leit motive, ma in realtà – per me – di libri si parla poco. Dal titolo mi aspettavo qualcosa di più coinvolgente.

I pirati del cielo, Chris Wooding

(titolo originale Retribution Falls, trad. Stefano A. Cresti)
Un romanzo di avventure, più che di fantascienza. L’aspetto fantascientifico sta nell’ambientazione temporale (un lontano futuro) e nel fatto che le navi di cui si parla sono volanti, non vanno per mare. Un susseguirsi continuo di colpi di scena, intervallati da flash back che raccontano la storia dei personaggi principali, ciascuno con caratteristiche molto particolari. Il protagonista è Darian Frey, comandante e proprietario di una nave (volante), la Ketty Jay, su cui è imbarcato un gruppetto di persone che hanno tutte in comune una cosa: non hanno un altro posto in cui stare. Frey è una sorta di avventuriero, un po’ pirata, un po’ contrabbandiere, un po’ ladro. Quando si trova coinvolto con l’inganno in una lotta per il potere deve dare fondo a tutta la sua intelligenza e al suo coraggio per riuscire a smascherare il complotto. Un romanzo davvero piacevole, con personaggi ben caratterizzati e interessanti, e con un’avventura dietro l’altra.

Pubblicato in: Fantascienza, Libri

Mario Pacchiarotti, Teutovirus

Una gustosa “favola” fantascientifica, in cui con ironia l’autore sembra esprimere la speranza che gli esseri umani siano migliori di quanto troppo spesso dimostrano. E lo fa con una scrittura piacevole e garbata, con una storia originale e coinvolgente. Peccato che l’ebook sia breve, ma solo perché leggere questo autore è una bella esperienza: il racconto è infatti equilibrato, non ha una parola meno del necessario né una di più. Consiglio di leggerlo.

Teutovirus

Qui sotto è possibile leggere la sinossi

Cosa succede se immaginiamo un mondo dove i preconcetti razzisti sono davvero validi? Dove la genetica determina senza scampo le qualità della gente? Cosa succede se in quel mondo uno scienziato geniale, bonaccione ma razzista decide di cambiare le cose?
Con Teutovirus l’autore crea una storia dove i luoghi comuni vengono resi realtà solo per potervi poi ironizzare sopra. Una dimostrazione “per assurdo” della poca consistenza di certe tesi razziste che vengono messe alla berlina proprio supponendole vere.

Da leggere con le parole di Rita Levi-Montalcini ben impresse nella mente: “Sono convinta che non esistano le razze, ma i razzisti”.

E voi? Non avrete mica paura di beccarvi il Teutovirus vero?

L’ebook fa parte di un progetto denominato Sad Dog, che si definisce con queste parole:

Sad Dog è il nome sotto cui un gruppo di autori emergenti si è riunito, con lo scopo di aiutarsi a vicenda nella realizzazione e pubblicazione delle proprie opere. Se vi piacciono i termini un po’ antichi, Sad Dog è un collettivo, una cooperativa; una forma di editoria 3.0 se invece volete essere moderni.