Il settimo regalo – Dominique Valton * segnalazione

Segnalo l’uscita di questa raccolta di racconti di Dominique Valton. Il libro si può trovare sia in formato ebook che cartaceo. L’autrice ha pubblicato anche due romanzi di genere thriller: “Le apparenze manipolate” e “Venerdì 17”.

Sinossi

Cos’è un regalo?
Il riciclo di un oggetto inutile?
Un investimento per il futuro?
Il ricordo di un istante particolare?
Una richiesta di attenzione?
Oppure è un dono prezioso che nasce dal cuore?

cover settimo regalo

 

 

Annunci

Il magnifico perdente – Sonia Morganti * Impressioni di lettura

Ho letto questo romanzo in versione ebook, ma è disponibile anche in versione cartacea. È pubbblicato da Oakmond Publishing .

Il titolo completo è Il magnifico perdente: Mazzini, l’esule indomito e queste parole costituiscono una perfetta sintesi della figura di Giuseppe Mazzini come esce dalle pagine del libro e come, probabilmente, era.

cove Magnifico Perdente

Il romanzo racconta dei primi anni della vita di Mazzini a Londra, dove si era stabilito per sfuggire alla polizia austriaca. Insieme a lui altri patrioti italiani in esilio.

Fra le difficoltà di sopravvivere, sia alla povertà che alla polizia austriaca che poteva contare su spie e traditori anche in Inghilterra, Mazzini non si arrende mai, continua a portare avanti i suoi ideali, scrivendo articoli per conquistare consensi alla causa italiana, mantenendo una corrispondenza con i patrioti rimasti in Italia o in esilio altrove. E, soprattutto, fonda la scuola gratuita per gli italiani che vivono a Londra, offrendo così speranze a molti suoi connazionali.

Il personaggio o meglio la persona Mazzini che il lettore scopre nelle pagine di Sonia Morganti è di un’umanità e di una rettitudine assolute, un uomo che accetta il sacrificio di vivere lontano dalla patria e dagli affetti più cari e che sopporta queste privazioni con malinconia e dolore ma senza lasciarsi mai abbattere. È così immediato sentirsi vicini a quest’uomo che veste sempre di nero, che suona la chitarra per consolarsi, almeno un poco, dei suoi dispiaceri, che sogna un futuro di uguaglianza per tutti.

Una narrazione molto fluida e personaggi, oltre al protagonista, molto vivi, fra questi Battista, il bambino che costituisce la “scintilla” da cui scaturisce l’idea per la scuola, lord e soprattutto lady Carlyle, i fratelli Bandiera.

Sinossi

Londra, 1837.
Un uomo e un bambino s’incontrano lungo le strade affollate e fumose della città. Entrambi, per motivi diversi, sono stati costretti a lasciare l’Italia e i propri cari, entrambi hanno negli occhi la malinconia degli esuli e il coraggio dei sopravvissuti.
L’uomo è Giuseppe Mazzini.
Quell’incontro, nel giro di pochi anni, porterà alla nascita della scuola italiana gratuita di Hatton Garden che concretizza gli ideali più elevati del nostro Risorgimento.
Il filo della storia s’intreccia con le vite degli esuli italiani, con i loro ricordi e le loro speranze, tra delatori e nuovi amici, sostenitori e traditori, amori senza fine o senza inizio.
Sullo sfondo, un’Inghilterra contraddittoria e un’Italia ancora informe, ma già molto simile alla nostra.
Il romanzo nasce sia dalle suggestioni delle molte lettere di Mazzini, vivida testimonianza del suo sentire profondo e del suo spirito indomito, sia dallo studio dei suoi scritti che ne documentano l’eccezionale modernità di pensiero.


L’autrice

Sonia Morganti è nata in provincia di Latina e attualmente abita a Roma. Si è occupata a lungo di valorizzazione del territorio, ama unire la sua passione per i viaggi, la natura e l’arte, raccontando storie in maniera viva.
Ha pubblicato i romanzi storici Calpurnia, l’ombra di Cesare e Patres, il distopico Far West.

 

 

Semplice e sbigottito

Articolo che condivido in pieno, naturalmente.

Lunanuvola's Blog

Qual è la tragedia più devastante che può colpire un uomo? I quotidiani italiani non hanno dubbi: il rifiuto di avere rapporti sessuali da parte di una donna. Uccidere chi ha respinto la richiesta è nulla di fronte all’enorme dolore di chi “ama” e non è “corrisposto”.

Oggi Repubblica cambia i titoli per il suo pezzo principale sull’omicidio di Elisa Pomarelli: sulla prima pagina è Elisa non voleva più vederlo. E Sebastiani continua a mentire: Mi volevo uccidere”, che rimanda a Un’ossessione per Elisa, Sebastiani confessa l’omicidio e piange, ma ieri era Sebastiani in lacrime davanti ai carabinieri: Ho fatto una stupidaggine”. Il ritocco è probabilmente conseguenza della protesta esplosa sul web per la infame copertura giornalistica della vicenda (un titolo definiva l’assassino un “gigante buono”) ma l’articolo resta intatto nella sua sublime superficialità e nella sua stratosferica ignoranza, tutto teso a farci…

View original post 876 altre parole

Alta è la notte – Claudia Calisti * impressioni di lettura

Nove racconti o, per meglio dire storie, che si intrecciano e incastrano fra loro come in fondo avviene nella vita. La definizione di scatole cinesi cui ci si riferisce nella sinossi è decisamente appropriata.

Storie di sentimenti e storie dalle tinte gialle, dal ritmo incalzante, narrate con un linguaggio incisivo e veloce. Personaggi che potremmo incontrare per strada o avere come vicini di casa.

Una lettura piacevole e intrigante.

cover Calisti alta la notte

 

Sinossi

L’autore crea una storia in modalità scatole cinesi dove ogni episodio può essere letto come indipendente dagli altri ma al tempo stesso vi è legato con un fil rouge sottile che crea tensione e intrecci imprevisti.